The news is by your side.

Gravi le condizioni dell’artista abruzzese aggredito a Roma da un gruppo di ragazzi. Indagini per capire la dinamica dello scontro

Chieti. Rimangono molto gravi le condizioni di Umberto Ranieri, l’artista di origini abruzzesi soccorso ieri sera a largo Preneste a Roma dopo che è stato centrato da un pugno al volto durante una lite con alcuni ragazzi. Sulla vicenda sono in corso indagini dei carabinieri della compagnia Casilina che stanno cercando di ricostruire con esattezza l’accaduto e risalire al responsabile.

Gli investigatori stanno raccogliendo testimonianze per capire il motivo dell’aggressione che, al momento, non sembra essere preordinata. Da una prima ricostruzione, pare che l’uomo stesse parlando con un gruppo di ragazzi quando uno di loro lo ha colpito con violenza al volto facendolo cadere sull’asfalto dove ha sbattuto la testa.

Ancora da stabilire se dietro l’aggressione ci siano motivi privati o una lite estemporanea. I carabinieri stanno cercando di rintracciare i ragazzi con cui l’uomo parlava ieri sera: 4 o 5 di cui due donne. Tra loro anche l’aggressore. Nato a Paglieta, in provincia di Chieti, Umberto Ranieri è diplomato all’Accademia delle Belle Arti di via di Ripetta ed è apprezzato per le sue opere esposte in diverse occasioni nella Capitale.