The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

I sindaci e gli amministratori abruzzesi impegnati nel caro pedaggi dell’A24 e A25 disertano l’incontro con la De Micheli

"Non è una battaglia di colori politici, pronti a protestare sotto al Mit"

Avezzano. I sindaci e gli amministratori di Abruzzo e Lazio, impegnati nella lotta contro il caro pedaggi e per la sicurezza della A24-A25, comunicano che non parteciperanno  all’incontro che si terrà nel pomeriggio di oggi ad Avezzano organizzato dal Partito democratico abruzzese alla presenza del ministro dei Trasporti Paola De Micheli. 

I sindaci abruzzesi, che fanno parte del comitato delle autostrade, ribadiscono che la loro “non è una  battaglia di colori politici, ma di civiltà e pertanto restano in attesa della convocazione di  un incontro istituzionale che doveva svolgersi entro il 30 novembre 2019 e che ad oggi, nonostante alcuni solleciti fatti al ministro, ancora non viene convocato”. 

Rammaricati di questa situazione comunicano che “qualora entro la fine di febbraio”, rimarcano i primi cittadini di Lazio e Abruzzo, “non  venga convocato questo incontro torneranno i primi di marzo ad organizzare nuove forme di protesta sotto il Mit. I territori di Lazio ed Abruzzo meritano una soluzione definitiva al problema del caro pedaggi e della sicurezza della A24/A25”. 

“La soluzione definitiva”, spiegano, “passa necessariamente per l’adozione di quel piano economico finanziario inviato in Europa, ma fermo. Il dossier A24-A25 è stato chiuso dall’Europa che lo riaprirà solo quando il nostro ministero riterrà di dover fornire le dovute spiegazioni richieste. Siamo sempre più uniti e determinati a tutelare i cittadini e i loro territori”.