The news is by your side.

Il capogruppo PD Paolucci si scaglia contro la Giunta Marsilio: a 100 giorni dall’insediamento anche il settore del trasporto è fermo

L’Aquila. “A 100 giorni dall’insediamento del nuovo esecutivo regionale anche il settore del trasporto è caratterizzato dall’inerzia di questa Giunta guidata dal Sen. Marsilio – tuona il capogruppo PD all’Emiciclo, Silvio Paolucci – Chiediamo al nuovo vertice della Tua di accelerare la conclusione dell’iter di selezione del personale, al fine di coprire i posti vacanti nell’organico aziendale, soprattutto per la manutenzione del parco rotabile. Altro aspetto che ci lascia stupefatti è legato all’ordine del giorno dell’ultimo tavolo sindacale convocato dal Presidente Giuliante nel quale era prevista la discussione per la rivisitazione dei Piano dei Servizi minimi”.

“Rammentiamo al neo Presidente – prosegue Paolucci – che tale materia è di esclusiva competenza dei Consiglio regionale d’Abruzzo e, di contro, la Società del tutto incompetente. Sarebbe interessante conoscere come la Regione, invece, intenda risolvere l’argomento legato alle relazioni di traffico che Tua continua a svolgere in assenza di contribuzione, che generano sofferenze nel bilancio aziendale. Quanto alle indiscrezioni circolate circa la volontà di Regione ed azienda di sub-affidare una porzione delle linee attualmente gestite da Tua attraverso il meccanismo delle sub-concessioni a privati, è necessario approfondirne possibilità, opportunità e, in seguito, i criteri di individuazione delle linee da cedere a terzi, chiedendo altresì che tali scelte siano concertate con i sindacati anche per le ripercussioni sul personale”.

“Su tutti questi temi terremo alta l’attenzione affinché non vengano ulteriormente penalizzate le aree più fragili della nostra regione, quelle interne a domanda debole. Su queste scelte riteniamo necessario un confronto politico in Consiglio regionale con tutte le forze politiche. Infine – conclude il capogruppo dem – fatti salvi gli altri aspetti normativi del caso, laddove si dovesse scegliere di continuare a svolgere le relazioni di traffico non contribuite, chiediamo al Governo regionale di trovare le corrispondenti risorse per non incidere negativamente sul bilancio di Tua, come abbiamo sempre previsto da facili profeti”.