The news is by your side.

Il genio di Don The Fuller inventa il primo pareo in jeans per la prossima estate

Corropoli. La jeanseria teramana torna a far parlare di se. Dopo il Jeans di vino e quello antistress alla mirra, arriva il pareo di jeans per chi non riesce a rinunciarvi neanche sulla spiaggia. Innovazione nella moda con uno sguardo al passato, è così che Don the Fuller pensa al pareounnamed jeans e lo lancia nell’isola di Formentera per l’estate 2015. L’azienda abruzzese, leader nella produzione di jeans, ha avviato un’operazione di comarketing con “Oni” di Stefano Fabrizi, il negozio più cool dell’isola delle Baleari e frequentato dal jet set internazionale come rock star, calciatori e attori. Il nuovo prodotto lanciato da Don The Fuller avrà la duplice funzione di copricostume sui motorini e telo mare. “L’idea” afferma Mauro Cianti Ceo Don The Fuller  “è quella di non seguire le mode ma cercare di essere diversi e innovativi. Il pareo è da sempre il simbolo delle estati delle Baleari ma in jeans non lo aveva pensato nessuno”. Per l’accessorio di punta dell’estate 2015 la Don The Fuller ha selezionato un jeans di altissima qualità e molto leggero, del peso di 5 once, circa 0,14 kg. Il pareo sarà regalato ad una utenza selezionatissima del negozio “Oni” che potrà utilizzarlo tutta l’estate, consumando e usurando il tessuto con acqua del mare, sabbia e sole, e in autunno lo potrà restituire per farsi realizzarsi un jeans short personalizzato. Non è esclusa, in futuro, un’eventuale commercializzazione dell’innovativo capo di abbigliamento. Il pareo, da sempre simbolo di libertà e di luoghi esotici, divenne un indumento conosciuto al mondo intero grazie al film “Uragano” (1937) in cui l’attrice  Dorothy Lamour interpretava una indigena del Pacifico del Sud ai tempi coloniali. Federica Di Marzio