The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Il ministro Alfano nella Marsica. Piccone: la mia candidatura un’opportunità per l’Abruzzo

Avezzano. Torna nella sua Marsica l’onorevole Filippo Piccone, dopo un lungo tour elettorale che lo ha visto protagonista in molte città dell’Italia centrale e meridionale. Torna stanco ma felice, e in un momento del suo discorso all’Hotel dei Marsi, dove ha incontrato i giornalisti, addirittura visibilmente emozionato, mentre racconta ai tantissimi presenti che questa campagna elettorale è stata una delle più impegnative, nata con spirito di servizio, in risposta alla richiesta di mettersi a diposizione per questa competizione arrivata dal ministro Angelino Alfano, anch’egli presente, insieme al presidente della provincia di L’Aquila Antonio Del Corvo e a tutti candidati della provincia che da oltre un mese girano in lungo e il largo il territorio in cerca del consenso degli elettori. “Spirito di servizio che si sta trasformando in una grande opportunità” ha detto Piccone aggiungendo che “la regione Abruzzo non può mancare di sfruttare al meglio per portare finalmente all’attenzione dell’Europa molte questioni”. Grande impegno per portare a Bruxelles le priorità dei pilastri economici regionali quali turismo, agricoltura e industria, volano di un’economia che sta lentamente ripartendo e che può, con le scelte giuste, portare di nuovo l’Italia protagonista in Europa. Anche il ministro Alfano non ha nascosto il suo ottimismo sulla ripresa economica e ha salutato i tanti sostenitori con un tweet per incoraggiare a votare Filippo Piccone: “se non ti basta la protesta e non sei di sinistra c’è il nuovo centro destra”. Quanto alla sinistra, il ministro dell’Interno ha concluso dicendo: “con il Pd collaboriamo transitoriamente e provvisoriamente per risolvere le emergenze del Paese. Ma il nostro obiettivo e’ un altro: usare tutti i voti che ci saranno dati per costruire un nuovo centrodestra unito e vincente che possa sfidare e battere la sinistra. Questo e’ l’obiettivo strategico”. Gianluca Rubeo