The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Il piu’ grande pasticcere: il pescarese Puca si aggiudica il secondo posto

Roseto. Lorenzo Puca, il capo pasticcere pescarese del maestro Sandro Ferretti, ottiene il secondo posto nella sfida finale contro l’avversario-amico Sebastiano Caridi, nell’ultima puntata de Il Piu’ Grande Pasticcere andata in onda ieri sera su Rai2. “Meritava di vincere” e’ il commento a caldo del suo maestro Sandro Ferretti. Lorenzo PucaLa puntata si apre con la preparazione di una torta nuziale. Gli aspiranti hanno quattro ore di tempo e un accesso alla dispensa. Lorenzo ha le idee chiare: la sua creazione sara’ bianca e gialla, il colore che simboleggia la gelosia. Il giudizio di Luigi Biasetto, Leonardo Di Carlo e Roberto Rinaldini e’ unanime: il dolce di Puca e’ il migliore e gli da’ diritto di accesso alla finalissima, mentre Debora e Sebastiano dovranno affrontare una eliminatoria. La prova eliminatoria stabilisce l’avversario di Puca nella finalissima: tocchera’ a Sebastiano Caridi. Prima della sfida i due aspiranti al titolo ricevono la sorpresa di un videomessaggio. E’ la mamma a parlare a Lorenzo: le sue sono parole di incoraggiamento e sprone, che lo commuovono fino alla lacrime. Nell’ultima prova i ragazzi dovranno preparare un dolce che parla di loro: “il vostro marchio di fabbrica, quello che racconta la vostra storia, la vostra concezione di pasticceria” in tre ore di tempo. I giudici lo assaggeranno “al buio”, senza conoscere l’autore. Il dolce che Lorenzo presenta si chiama “May way”, ispirato alla canzone di Frank Sinatra le cui parole raccontano di un uomo che, facendo il bilancio della sua vita, esprime soddisfazione per aver sempre fatto tutto “a modo suo”. La torta, a base di sable’ alla vaniglia, cremoso esotico, pan di spagna al cioccolato e frutto della passione, glassa al cioccolato fondente 72% e decoro in isomalto, da oggi sara’ disponibile in tutte le boutique di Ferretti. Anche in questo caso, la preparazione di Lorenzo stupisce: e’ “elegante, luminosa, da grande pasticcere” anche se Rinaldini sottolinea due gradi in piu’ di cottura sulla cremosa esotica. Nonostante l’apprezzamento dei giudici, a cui si unisce anche il grande Iginio Massari, il vincitore e’ Sebastiano. Lorenzo e’ amareggiato, ma sa bene che le sfide per uno come lui non finiscono mai. In questi giorni si prepara al campionato di pasticceria che si terra’ nel 2016.

Foto: www.agica.it