The news is by your side.

Il sindaco di Civitella Alfedena scrive al presidente della Provincia dell’Aquila: ritardo nel passaggio degli spazzaneve crea notevoli disagi

Civitella Alfedena. La recente ondata di maltempo è stata foriera di difficoltà logistiche in alcuni comuni montani d’Abruzzo. Una sorta di caso di scuola è quello riportato dal sindaco di Civitella Alfedena, Giancarlo Massimi, che ha indirizzato al Presidente della Provinci dell’Aquila una lettera aperta nella quale riporta lo stato dell’arte di alcune arterie cruciali per il territorio.

“Gentile Presidente,siamo alle solite. Alla prima nevicata tutto diventa difficile eppure, mi risulta, la provincia dell’Aquila sia un territorio prettamente montano e dove, in inverno pur con i cambiamenti climatici, cade neve. La strada provinciale del lago di Barrea, che collega la statale Marsicana al comune di Civitella Alfedena, è stata nella giornata di ieri causa di diversi disagi. Lo spazzaneve della provincia, ci risulta, sia andato in manutenzione e solo stamani alle 8,40 è transitato quello che, generalmente, effettua servizio nell’area di Scanno. Questo causa disagi ai pendolari (in effetti i mezzi del TUA non sono saliti al mattino) siano essi lavoratori o studenti. Una situazione che non può andare, anche perché non è possibile che ci siano cittadini di diverse caste e con livelli di diritti, e di servizi, diversi. Se un fatto di tal genere fosse accaduto dove ci sono gli impianti di risalita si sarebbe gridato allo scandalo, siccome riguarda una piccola comunità non sembra che ciò importi molto”.

“Gentile Presidente, comprendo le difficoltà della Provincia come istituzione messa nel limbo, ma fin quando ha una competenza la stessa deve essere esercitata a garanzia di tutti i cittadini. A volte non serve molto. Posso garantirla che i dipendenti rimasti della provincia mostrano ogni giorno il loro impegno ma è, mi creda, impossibile affrontare i problemi quando non sono messi nella condizione di poterlo fare. Con la speranza che questi disagi siano superati, Le invio distinti saluti”, conclude Massimi.