The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

In 10mila a Roma per far salpare l’arca di Noè dell’agricoltura al villaggio Coldiretti: l’Abruzzo c’è

Pescara. Sono gia’ diecimila gli agricoltori, gli allevatori e i pastori da tutta Italia scesi in campo al Circo Massimo di Roma per far “salpare” l’Arca di Noe’ dell’agricoltura italiana al Villaggio della Coldiretti dove vivere un giorno da contadini e scoprire i cibi, le piante e gli animali salvati dall’estinzione grazie al lavoro di generazioni riconosciuto e sostenuto dai “Sigilli” di Campagna Amica. Molte le eccellenze abruzzese scese in campo per far conoscere i prodotti del territorio e i “sapori dimenticati”.

“E’ stata allestita”, sottolinea la Coldiretti, “la piu’ grande fattoria mai realizzata in una citta’ con le razze piu’ curiose che popolano le stalle e le campagne italiane, dalla capra valdostana al maiale nero dei Monti Lepini fino all’asino dell’Amiata, ma e’ possibile anche scoprire i formaggi, i salumi, la frutta e gli ortaggi “dimenticati” che assicurano all’Italia il primato nella biodiversita’ alimentare, dai fagioli del Purgatorio di Gradoli alla patata Cojonaria del Friuli.

Sono in arrivo il vicepremier Matteo Salvini, il ministro delle Politiche Agricole Gian Marco Centinaio, il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e il sindaco Virginia Raggi, mentre e’ gia’ presente il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo per illustrare il primo studio della Coldiretti “Sos per la fattoria italiana”, con un focus dedicato ai numeri del prepotente ritorno degli asini. Su 80mila metri quadrati di campagna si puo’ passeggiare tra le aziende agricole ed i loro prodotti, salire sui trattori, sedersi a tavola con gli agrichef, montare in sella ad asini e cavalli, ammirare gli uccelli per imparare l’antica arte del falconiere, visitare la stalla con mucche, pecore, capre, maiali, conigli e galline, o entrare nella capanna dei pastori e nelle fattorie didattiche dove i bambini possono imparare a pigiare l’uva, a impastare il pane o a fare l’orto.