The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

In Abruzzo al via le prime visite oculistiche per piccoli pazienti con autismo non collaboranti

L’Aquila. Il 10 ottobre è la giornata mondiale per la vista e per la salute mentale. L’Aquila ha onorato questa data con l’avvio della campagna di screening visivo destinata a bambini e ragazzi con autismo e persone non collaboranti. Oggi (10 ottobre) 9 famiglie provenienti anche da fuori regione (Amatrice, Ascoli Piceno e Ancona) hanno fruito della prima data di disponibilità del Prof. Lelio Sabetti e del suo staff, presso lo studio di Via Carducci 30.

Per la prima volta quindi nella nostra regione è stato possibile assicurare una visita oculistica a bambini con autismo con una strumento che dovrebbe essere in dotazione di tutti gli ambulatori del sistema sanitario; uno strumento fondamentale per coloro che appartengono alla fascia più debole della nostra società.

Per la prima volta bambini con autismo non collaboranti hanno potuto verificare la qualità della vista. Per alcuni di loro, grazie alla valutazione effettuata dallo strumento, saranno necessari ulteriori accertamenti e si dovrà intervenire con occhiali e attività specifiche. Lo screening precoce ha dunque permesso di evidenziare anomalie che, se prontamente affrontate, potranno essere definitivamente risolte.

“Tale risultato, afferma l’onlus autismo Abruzzo, è stato possibile grazie alla disponibilità di tanti amici e sostenitori che hanno raccolto l’appello a contribuire alla raccolta fondi per l’acquisto dell’autorefrattore Vision Screener binoculare portatile che, in pochi istanti, è in grado di valutare la qualità della vista di utenti non collaboranti. Lo strumento, concesso in uso alla Associazione “Una vista da aquilotto” e al Prof. Lelio Sabetti, sarà a disposizione di tutti coloro che avranno necessità di uno screening accurato”.

“Alle famiglie con autismo, conclude l’associazione, diciamo di approfittare di questa opportunità: un bambino su cinque ha un deficit visivo, e i deficit visivi non diagnosticati rappresentano la maggiore condizione di disabilità nei bambini (Fonte: CDC USA). Grazie alla disponibilità di Roberta Galli (madre di Marco, dodicenne autistico e nostra volontaria), assicuriamo alle famiglie assistenza e consigli per rendere la permanenza a L’Aquila per la visita la più agevole possibile”.