The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

In libreria il romanzo inedito della figlia di Gabriele D’Annunzio, Renata Montanarella

Pescara. Nel 2018 la vedova Giovanna Montanarella, in accordo con la cognata Maria Teresa, donò alla Fondazione “Il Vittoriale degli Italiani”, di cui è presidente Giordano Bruno Guerri, il dattiloscritto inedito di “Una donna”, un romanzo breve, della figlia di Gabriele d’Annunzio, Renata Montanarella, chiamata dal Poeta la “Sirenetta”.

Il dattiloscritto fu ritrovato fra le carte di Francesco Montanarella, terzultimo figlio di Renata e Silvio Montanarella e oggi, dopo due anni dalla donazione al Vittoriale, il romanzo è disponibile in tutte librerie grazie alla pubblicazione a
cura della Ianieri Edizioni. La casa editrice di Pescara, nata nel 2001 è nota ai tanti studiosi e appassionati lettori dannunziani per le due collane “Biblioteca dannunziana” e “Saggi e carteggi dannunziana”, con oltre 60 titoli in catalogo, molto apprezzata dalla critica per la capacità di ricostruire attraverso la figura del Vate una parte importante della storia culturale del Novecento.

Una donna è un romanzo tutto al femminile ambientato per la maggior parte a Venezia, racconta la storia di Lina, giovane danzatrice che viene abbandonata dal suo amante quando scopre di essere incinta. Dopo pochi giorni dal parto, Lina deve lasciare il bambino ad una donna del popolo e correre al capezzale del padre morente. Le vicende maturano sullo sfondo veneziano. Infatti, la donna, consumata dal rimorso, continua la sua attività di ballerina su diversi palcoscenici di teatri e proprio a Venezia conosce e si innamora di un giovane ufficiale di Marina, Mario Berni, che decide di prendersi cura del bambino come se fosse il suo. Ma la guerra intralcerà gli esiti positivi per questa storia d’amore.

L’Autrice Renata Anguissola in Montanarella, nasceva il 9 gennaio del 1893 a Resina (Na) dalla relazione fra Gabriele d’Annunzio e Maria Gravina Cruyllas, moglie di Guido Anguissola, conte di Ramacca. Renata, che da bambina il Vate chiamava Cicciuzza, aveva dunque ambizioni letterarie e ha dato voce in questo breve romanzo, a una storia tutta al femminile. Il Curatore Tobias Fior, nasce nel 1989 a Tolmezzo e vive a Verzegnis (Udine). Appassionato di Gabriele
d’Annunzio fin da adolescente, ha pubblicato saggi e studi su siti Internet specializzati e sulla prestigiosa “Rassegna dannunziana” di Pescara. Ha pubblicato lo studio Questo ferale taedium vitae. La depressione di d’Annunzio e ha curato la pubblicazione del Diario della Sirenetta di Renata d’Annunzio Montanarella.