The news is by your side.
10M 2
10M

Insediato il nuovo consiglio provinciale di Teramo, sviluppo industriale e nuovo ospedale al centro del dibattito

Teramo. Si è insediato ieri sera il nuovo consiglio provinciale, quello uscito dalle urne nell’elezione di secondo livello il 30 marzo scorso. Durerà in carica due anni, mentre il presidente quattro, secondo quanto previsto dalla cosiddetta “Delrio”. Diego Di Bonaventura, in premessa, ha annunciato che porterà in approvazione a breve le integrazioni alle Linee di Mandato presentate al momento della sua elezione, nell’ottobre 2018, e che “appena dopo Pasqua, dopo aver incontrato tutti i consiglieri” provvederà ad assegnare le deleghe. Sulle linee di mandato si è acceso un dibattito aperto dalle dichiarazioni del consigliere Mauro Scarpantonio della “Casa dei Comuni” (che è stato consigliere alla viabilità nella passata consigliatura prima di Mario Nugnes) che le ha definite “scarne, appena accennate, poche pagine che non forniscono le indicazioni per i prossimi anni di lavoro e non soddisfano le esigenze dei territori”.

Di Bonaventura ha colto le sollecitazioni del consigliere per tracciare le integrazioni alle linee presentate. “In questo Consiglio non voglio fare politica”, ha esordito Di Bonaventura, “in questi mesi non ho mai polemizzato con le gestioni passate e pensavo che questo atteggiamento fosse stato apprezzato. Mi trovo costretto, invece, a fare puntualizzazioni che non sono nel mio stile. Pensavo di poter inaugurare il Ponte di Castelnuovo e si deve ricominciare daccapo, l’Anas ci chiede conto dei ritardi sulle opere finanziate che non partono, ci sono conflitti con le imprese; la Gran Sasso Teramano ha un debito di circa 800 mila euro e insieme alla Camera di Commercio  e agli altri soci bisogna coprirlo altrimenti gli impianti si fermeranno definitivamente; sul Natale Teramano i soldi promessi dalla Regione non ci sono; in Val Vibrata avanzano i finanziamenti dell’area di crisi mentre le imprese soffrono e sull’Arap si sono fatte scelte scellerate e oggi il Consorzio industriale di Teramo, sano, dovrebbe contribuire a risanare i debiti degli altri Consorzi, mi opporrò in tutti i modi; la ricostruzione era ferma e devo dare atto all’ex vicepresidente Lolli che mi ha ascoltato, ha ammesso che sulle nomine hanno sbagliato e si è cambiato rotta. Abbiamo fatto dialogare il sottosegretario Crimi con i nostri Sindaci e le loro richieste sono state accolte. Sulla sanità e sul nuovo ospedale non abbiamo fatto una scelta per logiche di alleanze politiche e se non diciamo subito che l’ospedale va fatto e va fatto a Piano d’Accio L’Aquila si prende tutto. Certamente integrerò le linee di mandato, lo faremo insieme, in una logica di condivisione ma se devo confrontare quello che è stato scritto in passato sulle linee di mandato e poi quanto effettivamente è stato realizzato i conti non tornano. Io vorrei uno stile diverso, meno carta e più strategia; e per me la strategia sono le grandi infrastrutture che ci rimettono al centro come la pedemontana, sono il rilancio dell’area montana con un forte patto con il mare; sono le scelte sull’impiantistica sui rifiuti paralizzate da un decennio; sono il nuovo ospedale perché altrimenti non potremo far tornare le specializzazioni di eccellenza che portano utenti e riequilibrano la mobilità passiva; sono la riconversione del Mazzini in un centro di riabilitazione che oggi non abbiamo. In una parola bisognerà fare delle scelte, quelle che non sono state fatte  negli ultimi anni.”

“Sono anni che leggo sempre le stesse cose sulle linee programmatiche”, ha affermato Luca Frangioni de La Forza del Territorio, “annunci che non vengono mai realizzati invece ho apprezzato quanto scritto dal Presidente e in particolare il passaggio sulla ricostruzione che non è mai decollata, un problema sottovalutato che sta creando problemi enormi anche nei comuni fuori del cratere come Torano dove vivo”.  Presidente noi siamo qui per fare politica”, ha spiegato Martina Maranella per La Casa dei Comuni, “io non non avrei paura di questo. Per questo abbiamo bisogno di avere un programma di Governo dettagliato, per capire cosa vogliamo fare nei prossimi anni”. Si è quindi proceduto al voto finito in parità (mancava il consigliere Domenico Pavone) e da Statuto, con il voto di parità, le linee di mandato dovranno essere riproposte al prossimo Consiglio. In apertura dei lavori il presidente ha ringraziato gli ex consiglieri presenti in aula, Mario Nugnes e Ambra Foracappa.