The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Intervista al presidente De Crescentiis. Esuberi, viabilità e frane tra obiettivi e priorità

L’Aquila. Da appena due giorni la provincia dell’Aquila ha un nuovo Presidente. A vincere la sfida delle provinciali è Antonio De Crescentiis, candidato del Centrosinistra e primo cittadino di Pratola Peligna, che ha avuto la meglio sull’esponente di Centrodestra Paolo Federico, sindaco di Sulmona. De Crescentiis, è stato sostenuto dalla lista “Insieme per cambiare con De Crescentiis”, ricevendo il 61% delle preferenze, contro il 39% del suo rivale. Ma in un’intervista ad Abruzzolive il neo eletto presidente fa notare come la percentuale sia dell’81% nei comuni al di sotto dei 10 mila abitanti, a testimonianza del fatto che il contatto diretto con il territorio ha portato i suoi buono frutti. De Crescentiis succede ad Antonio Del Corvo, Centrodestra, e per la prima volta il presidente della provincia non viene eletto direttamente dai cittadini, ma da un comitato composto dagli amministratori locali e dai consiglieri uscenti, così come stabilito dalla legge Delrio. Antonio De Crescentiis, 46 anni, sposato con un figlio, è laureato in Giurisprudenza ed è dipendente Asl in aspettativa e sindaco di Pratola dal 2007. In prima fila in tante battaglie a difesa del suo territorio e delle aree interne dell’Abruzzo, anche come componente nel Consiglio delle autonomie locali. Sempre nell’intervista rilasciata ad Abruzzolive viene chiesto al presidente quali sono le priorità e quali gli obiettivi. “La prima cosa che faremo”, afferma De Crescentiis, “è capire come sta la provincia e da dove si parte” riferendosi chiaramente alle risorse economiche disponibili e alla situazione ereditata dal suo predecessore.” E’ chiaro”, continua il neo presidente, “che ci sono delle priorità cristallizzate”. Una priorità è rappresentata dal delicato tema dell’esubero di personale che riguarda non solo la provincia dell’Aquila, ma tutte le province abruzzesi, a seguito della riforma che ha delimitato significativamente poteri e competenze degli enti provinciali, in ossequio alle esigenze di spending review nazionale. Il primo pensiero di De Crescentiis va, dunque al personale in esubero che solo in teoria dovrebbe passare alle regioni e ai comuni, i dipendenti meritano risposte immediate, l’incertezza del futuro non è un bene per un lavoratore e per la sua famiglia sottolinea il neo presidente. Il secondo tema affrontato dal presidente è il problema della viabilità della quale soffrono “molte amministrazioni comunali soprattutto in inverno e nei comuni montani quali Rocca di Mezzo, Castel del Monte, Roccaraso ed anche la stessa Pratola Peligna” occorre “fare il meglio con i pochi soldi a disposizione”.  Non bisogna però “trascurare le frane che hanno interrotto il collegamento tra molte comunità. Il 47% del territorio regionale interessato dal dissesto idrogeologico è in provincia dell’Aquila”, ma bisogna sempre “fare i conti con le risorse a disposizione”. Infine, conclude De Crescentiis con “un ringraziamento ai sostenitori ai votanti” ed “un ringraziamento speciale agli altri componenti della lista “Insieme per cambiare con De Crescentiis” che non sono stati eletti ai quali assicuro la massima partecipazione”. E da parte nostra un buon lavoro al presidente. Federica Di Marzio