The news is by your side.

La Asl si rifiuta di soccorrere un gatto, consigliere comunale presenta una denuncia

Chieti. Il consigliere comunale di Chieti Franco Di Pasquale, delegato dal sindaco ai problemi del randagismo, ha presentato una denuncia in Questura poichè, dopo avere raccolto un gatto malato vicino il Centro sociale di via Molino, a Chieti Scalo, la Asl, da lui contattata attraverso la Polizia Municipale, gli ha negato l’intervento del Servizio Veterinario. Ora, il felino è ricoverato a spese dello stesso consigliere in uno studio veterinario privato. “Da anni mi occupo di cani e gatti randagi in qualità di delegato del Sindaco – dice Di Pasquale – e da tempo continuo a lottare affinché la Asl 02 intervenga per il soccorso degli animali incidentati e sulle colonie feline presenti in città, situazione che sta diventando insostenibile anche perché i cittadini sono costretti a pagare personalmente le sterilizzazioni riguardanti le colonie feline, servizio, invece, che dovrebbe essere garantito dalla Asl.

Tali problematiche, peraltro affrontate di recente anche nel corso di una riunione con il Sindaco e le associazioni animaliste del territorio continuano, purtroppo, a vedere l’indifferenza della Asl che non sta intervenendo per quanto di propria competenza. Quanto denunciato – aggiunge il consigliere – è solo l’ultimo caso, forse il più grave in ordine temporale, della mancata assistenza veterinaria, nonostante la richiesta di intervento, nei confronti di un gatto malato”. “È urgente – conclude Di Pasquale – che la Asl dia seguito alle richieste di aiuto relative alle prestazioni di pronto soccorso degli animali incidentati secondo il Programma Regionale di Prevenzione e Controllo del Randagismo. Nel frattempo i poveri cittadini continuano a pagare”.