The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

La candidata Luisa Taglieri (Psi) e la parlamentare Pia Locatelli in un convegno dedicato alla differenza di genere

Sulmona. “Più donne nelle istituzioni portano ad un’amministrazione della cosa pubblica più lontana dalla corruzione e quindi più trasparente e vicina ai cittadini e ai loro bisogni” lo ha ricordato Luisa Taglieri, candidata al Consiglio regionale nella lista del Partito Socialista. La candidata socialista ha tenuto un convegno, svoltosi nella sede del comitato elettorale per Luisa Taglieri e dedicato al tema della differenza di genere come risorsa e non come limite insieme alla parlamentare Pia Locatelli, capogruppo Psi nella Commissione Esteri della Camera dei Deputati e presidente onoraria dell’Internazionale socialista delle donne. “Il partito socialista è stato il primo nel nostro Paese ad avanzare la proposta politica delle pari opportunità ottenendo un obiettivo che ha fatto crescere l’Italia e che oggi ha portato oltre il 31% la presenza di donne nel parlamento” ha sottolineato Luisa Taglieri, invitando le donne “ad impegnarsi al servizio delle istituzioni e della collettività, offrendo un contributo di passione, di sacrificio, di intelligenza e dedizione alla cosa pubblica”. Su questi obiettivi Luisa Taglieri ha detto di impegnarsi e sono stati questi gli obiettivi per i quali ha deciso di candidarsi nelle elezioni regionali “investendo sul significato peculiare della presenza delle donne nelle istituzioni e per restituire ai socialisti una rappresentanza in Consiglio regionale”. L’onorevole Locatelli ha infine esaltato il ruolo delle donne che “come la candidata Taglieri sono capaci di conciliare famiglia, impegno politico, impegno sociale e studi”. “La donna che sa bene lavorare in famiglia, che si dedica alla professione e allo studio, come Luisa Taglieri che è moglie, madre, avvocata e che studia da dottore di ricerca, è anche capace di bene amministrare e questo impegno e questa vocazione meritano pieno sostegno” ha concluso la parlamentare. Al convegno ha portato il suo saluto anche il segretario regionale del Partito Socialista, Massimo Carugno.