The news is by your side.

La cultura come volano di economia e valorizzazione territoriale alla base del festival internazionale degli Abruzzi

Orsogna. Valorizzare l’arte e il territorio per dare nuovo slancio all’economia, con eventi, fra teatro, musica e cinema, che si susseguono nell’arco di due settimane in tre paesi dell’area marrucina, nella provincia di Chieti: è l’intento della seconda edizione di ‘Artinvita – Festival Internazionale degli Abruzzi’, dal 26 aprile al 12 maggio a Orsogna, Ortona e Crecchio. Si comincia venerdì 26 a Orsogna (ore 19.30, Galleria Dama in piazza Mazzini) con il vernissage di ‘Orsù – Dalle Panchine al Disegno’: l’artista serbocroata Mirijana Panovski ha fotografato gli anziani che frequentano abitualmente le piazze di Orsogna, realizzando, a partire dalle foto, simpatiche caricature, ora esposte nelle strade principali del paese.

Uno degli obiettivi del festival è proprio unire generazioni e culture, fare in modo che ogni parte sociale possa assistere agli spettacoli, ma anche diventarne talvolta protagonista. Seguirà il concerto di Gerardo Jerez Le Cam Ensemble ‘Tango Balcanico’ (ore 21); poi nel foyer del Teatro Comunale cocktail offerto da “Le Mamme d’Abruzzo” (ore 23.30). Alla serata saranno presenti, tra gli altri, gli attori Luigi Di Fiore e Vittoria Scognamiglio e il musicista Laurent Pititgand, autore di colonne sonore dei film di Wim Wenders. Sabato 27 (ore 21) e domenica 28 aprile (ore 17) nel Teatro ‘Francesco Paolo Tosti’ di Ortona in scena ‘Mari’, con Luigi Di Fiore e Vittoria Scognamiglio, regia di Amahì Camilla Saraceni, direttrice artistica del Festival insieme a Marco Cicolini; la scenografia dello spettacolo si potrà poi visitare come installazione da lunedì 29 aprile a giovedì 2 maggio.

Il primo maggio all’Auditorium ‘Santa Maria da piedi’ di Crecchio (Chieti) vernissage della mostra audiovisiva ‘Il Mestiere di Vivere’, ispirata al diario postumo di Cesare Pavese. E alle 21 esibizione di Laurent Petitgand, Seguono quattro giorni di cinema al Teatro comunale di Orsogna: il 4 maggio (ore 21) ‘Les Amantes du Pont Neuf’ che la madrina del Festival, Juliette Binoche, ha selezionato appositamente dalla sua carriera. Il 5 maggio (ore 21) il documentario di Wim Wenders ‘Papa Francesco – un uomo di parola’. Il 7 maggio ‘Balkan Cinema Express’, premio del Cortometraggio Balcanico promosso in collaborazione con Artimpulse (Ong con sede a Tirana nata nel 2014 per operare nel campo delle arti e della cultura) e ‘Balkan Film Food Festival’:

i cortometraggi della manifestazione albanese saranno giudicati da cento studenti che nelle scorse settimane hanno seguito i corsi tenuti da Marco Cicolini. Sempre a Orsogna 11 e 12 maggio la nuova produzione teatrale ‘Una Madre’, con Vittoria Scognamiglio e la partecipazione del francese Alvise Sinivia, pianista, improvvisatore, compositore e performer che comporrà le musiche dello spettacolo dal vivo. Altro importante obiettivo del festival ‘Artinvita’ (www.artinvita.com) è far conoscere il teatro contemporaneo, insieme alla volontà di sanare un’esigenza fondamentale come l’integrazione, attraverso la partecipazione degli immigrati residenti nei comuni abruzzesi.