The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

La “Montanina” torna al suo posto: la statua di piazza IX martiri viene restaurata e restituita alla città

L’Aquila. Il Rotary club L’Aquila con una sobria cerimonia che si terra’ sabato 22 settembre alle ore 11:30 in piazza IX Martiri restituira’ alla citta’ la “Montanina” ovvero la scultura bronzea datata 1929 opera del famoso scultore Nicola D’Antino, autore anche di altre statue presenti in citta’ tra cui quella della Fontana Luminosa. L’opera, posta al centro della fontana che abbellisce piazza IX martiri torna al suo posto completamente restaurata cosi’ come l’intero complesso monumentale.

“Abbiamo inteso far tornare a nuova vita un pezzo di memoria e di storia della nostra citta’. Un segnale di vicinanza e di ottimismo per tutti gli aquilani” dice la dottoressa Rossella Iannarelli, presidente del Rotary club L’Aquila. Dopo i danni del terremoto, la notte del 12 maggio 2013 la statua, oggetto di un tentativo di furto, fu ritrovata quasi completamente scollata dal proprio basamento. Successivamente fu “portata in salvo” da carabinieri e vigili del fuoco e trasportata in un deposito all’interno del Castello cinquecentesco. Il progetto di restauro e’ del Rotary club L’Aquila che ha guidato una cordata che vede sostenitori dell’iniziativa anche i club Rotary di Lincelles (Francia) e di Mariemont (Belgio), della Fondazione Carispaq e della ditta Gavioli che hanno contribuito al finanziamento delle opere. Il restauro della “Montanina” e’ stato guidato dagli esperti della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio dell’Aquila.

Alla cerimonia di riconsegna dell’opera d’arte saranno presenti le maggiori autorita’ cittadine e naturalmente l’invito a partecipare e’ esteso agli aquilani tutti. Prima del taglio del nastro sono previsti gli interventi della presidente del Rotary Club L’Aquila, Rossella Iannarelli, del sindaco Pierluigi Biondi, dell’arch. Antonio Di Stefano, della storica dell’arte, dott.ssa Letizia Tasso, dell’imprenditore Nino Gavioli, del prof. Carlo Fonzi e del prof. Massimo Casacchia.