The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

La musica popolare abruzzese fa per la prima volta il suo ingresso in conservatorio

Teramo. La musica popolare abruzzese farà per la prima volta il suo ingresso in conservatorio.

A promuovere l’iniziativa è il progetto RAdiCI, selezionato dall’Impresa Sociale Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, insieme al Conservatorio Statale di Musica “G. Braga” di Teramo.

I laboratori prenderanno il via lunedì 2 marzo alle ore 17.30 nell’Auditorium del Conservatorio Statale di Musica “G. Braga” di Teramo con il seminario introduttivo “L’altra musica in terra d’Abruzzo” condotto dall’etnomusicologo Carlo Di Silvestre, direttore artistico dei corsi.

I corsi, tutti gratuiti, saranno destinati non solo agli allievi del Conservatorio ma anche ad adolescenti e adulti desiderosi di conoscere i repertori, gli strumenti e le vocalità del vasto patrimonio orale della cultura tradizionale abruzzese. Gli allievi dei corsi potranno prendere parte all’Orchestra Popolare del Gran Sasso, la formazione musicale intergenerazionale che sta nascendo grazie al progetto RAdiCI e che debutterà il prossimo maggio.

I corsi in programma sono:

– il laboratorio di canto popolare, condotto dalla professoressa di canto e flauto Graziella Guardiani, che si terrà nelle aule del Conservatorio ogni venerdì, dalle 15.30 alle 17.30, a partire dal 6 marzo per 8 incontri complessivi.

– il laboratorio di chitarra battente, condotto dall’etnomusicologo Carlo Di Silvestre, che si terrà nelle aule del Conservatorio ogni venerdì, dalle 15.30 alle 17.30, a partire dal 6 marzo per 8 incontri complessivi.

– il laboratorio sui flauti pastorali, condotto dall’etnomusicologo Carlo Di Silvestre e in cui sarà possibile apprendere le tecniche per costruire e suonare questi antichi strumenti, che si terrà nelle aule del Conservatorio ogni lunedì a partire dal 9 marzo, dalle 15.30 alle 18.30, per complessivi 8 incontri.

Per informazioni e iscrizioni è possibile scrivere a [email protected]istitutoteatromediterraneo.it o chiamare il 338.7070751 o il 366.6286924.