The news is by your side.

Coronavirus, secondo caso in Abruzzo: positiva la ricercatrice arrivata all’Aquila dalla Lombardia

Per un terzo caso positivo, si attende l'ufficialità con controverifiche dell'Iss

L’Aquila. È positivo al Covid 19 il secondo test, eseguito dall’Istituto Superiore di Sanità, sulla ricercatrice lombarda ricoverata in isolamento all’ospedale dell’Aquila. Lo ha comunicato il Servizio Prevenzione e Tutela della Salute della Regione.

La giovane, originaria di Brescia, ricoverata da ieri al reparto Malattie infettive, era risultata prima positiva e poi negativa ai due tamponi esaminati nel centro regionale di riferimento di Pescara. L’allarme era scattato due giorni fa  perché la giovane, che si è laureata all’Aquila, è fidanzata con un collega di Bergamo risultato positivo al Covid19.

Arrivata nel capoluogo abruzzese insieme a tre colleghe per partecipare all’esame di abilitazione, poi annullato, una volta appresa la positività del fidanzato, la giovane si è messa in quarantena in casa con le amiche. Poi, alla luce di febbre, tosse e dolori intestinali, è stata ricoverata. Stando a fonti della Asl provinciale le sue condizioni sono poi migliorate.

“Ci sono tre casi accertati di Coronavirus in Abruzzo, anche se per uno siamo comunque in attesa dell’ufficialità con le controverifiche dell’Istituto Superiore di Sanità”.,ha affermato il  presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio. Oltre ai  due casi già confermati dall’Iss sono quello del 50enne della bassa Brianza ricoverato a Teramo e quello della ricercatrice lombarda ricoverata all’Aquila, si attende  l’ufficialità di un terzo caso, un uomo ricoverato a Pescara, risultato positivo dagli esami eseguiti in Abruzzo.