The news is by your side.

La vertenza Hatria al tavolo nazionale del Mise, intanto l’azienda ha spedito le lettere di licenziamento

Teramo. Prima l’incontro con il segretario del Pd, Matteo Renzi a Pineto, poi la solidarietà dei rappresentanti delle istituzioni locali. La vertenza Hatria diventa nazionale, il 25 ottobre – come confermato dal vicepresidente della Regione Abruzzo, Giovanni Lolli, agli stessi operai in presidio davanti allo stabilimento dopo l’interessamento diretto del segretario nazionale del PD – approda al tavolo del MISE e ci sarà anche il sottosegretario Teresa Bellanova. “Noi ci saremo, tutte le vertenze sono drammatiche ma questa lascia l’amaro in bocca per tante ragioni – ha detto il presidente della Provincia di Teramo, Renzo Di Sabatino – la chiusura totale da parte di una società che non pare interessata molto interessata al rilancio della produzione e quindi dell’azienda, quanto alle partecipazioni e alle operazioni finanziarie. Mi auguro che blocchino i licenziamenti in vista dell’incontro al Ministero e rendano chiari i loro progetti a partire dal piano industriale”.

Le lettere di licenziamento sarebbero partite ieri destinate a 55 lavoratori dichiarati in esubero sui 160 in forza allo stabilimento di Sant’Atto. Ma, ha sottolineato Giovanni Lolli, nell’atteggiamento, della proprietà – un fondo finanziario il Cobe Capital – “si legge una mancanza di prospettiva che preoccupa e che questo territorio non può permettersi”.Oggi alle 11 è prevista una nuova assemblea dei lavoratori mentre il presidio continua anche con una festa di autofinanziamento a favore di chi sta scioperando da giorni.