The news is by your side.

Lanciano si ferma per l’ultimo addio a Lorenzo, stroncato a 20 anni dalla leucemia

Lanciano. “In campo Lorenzo era difensore ma nella vita è stato attaccante ed è qui che ha fatto il suo goal, per aiutare al cambiamento gli altri dando esempi di vita sull’amore e non l’odio”. Così nella sua omelia l’Arcivescovo di Lanciano, Emidio Cipollone, che ha concelebrato in Basilica il rito funebre di Lorenzo Costantini, 20 anni, la promessa della Virtus Lanciano morta per una grave forma di leucemia tentata di curare negli Stati Uniti, mobilitando il mondo del calcio. “Il miracolo – ha aggiunto il Vescovo – è stato quello di raggiungere in breve tempo una cifra, 600 mila dollari, che sembrava impossibile, eppure sono arrivati con carità, generosità e provvidenza di ognuno. Ringrazio la famiglia di Lorenzo che ha chiesto di proseguire con generosità ad aiutare la piccola Iaia, una bambina di sei anni che ha bisogno anche lei di costose cure”. La famiglia di Lorenzo, in ricordo del figlio, ha rivolto infatti un appello affinché siano fatte donazioni per la onlus “Il sogno di Iaia”, per raccogliere la cifra necessaria alla bambina di 6 anni di Roccaraso (L’Aquila) affetta da una grave malattialorenzo_funerali per tentare una cura sperimentale negli Stati Uniti, proprio come è avvenuto per Lorenzo. Ai funerali di Lorenzo hanno partecipato circa 4.000 persone di cui 2.000 in Basilica. Una visita privata alla famiglia è stata fatta da Andrea Abodi, presidente della Lega di Serie B. Ai funerali era presente l’intera squadra della Virtus. Al fianco della bara sono state depositate le maglie inviate da Pirlo, Verratti e dal Milan che con un numero 6 ha scritto il nome di Lorenzo. Lorenzo è stato salutato con un lancio di palloncini che raffiguravano palloni da calcio. Per la gara di solidarietà a favore delle cure sperimentali a Philadelphia per Lorenzo, due mesi fa aveva partecipato l’intero mondo sportivo italiano in particolare di quello calcistico, su iniziativa di Donato Di Campèli, procuratore di Marco Verratti, presente al funerale. Appello raccolto subito anche da Zlatan Ibrahimovic e dai campioni d’Italia della Juventus che hanno abbracciato la causa di Lorenzo rispondendo all’invito di Marcel Buchel, centrocampista della Juve che lo scorso anno ha giocato nella Virtus Lanciano. La storia di Lorenzo ha commosso tutti e il sindaco Mario Pupillo, che per i funerali ha disposto il lutto cittadino con bandiere a mezz’asta, ha rimarcato la partecipazione dell’intera cittadinanza al dramma di Lorenzo. Al termine della funzione gli amici che chiamavano Lorenzo col soprannome de “Il Profeta”, lo hanno ringraziato per il sorriso sempre donato a tutti e l’esperienza di vita trasmessa.