The news is by your side.

L’assessore Febbo rimosso dall’incarico, è caos nella maggioranza regionale all’Emiciclo

Lega aveva chiesto la rimozione dopo elezioni perse a Chieti

L’Aquila. È caos nella maggioranza regionale all’Emiciclo: l’assessore Mauro Febbo è stato rimosso dall’incarico. Come raccontato da AbruzzoLive ieri si sono incrociati appuntamenti istituzionali e politici, questi ultimi legati alla crisi in seno al centrodestra dopo il voto alle amministrative di Chieti ed Avezzano, dove sono stati sconfitti candidati salviniani.

L’esecutivo regionale della Lega, azionista di maggioranza della coalizione al governo dal febbraio dello scorso anno, che ha chiesto la testa dell’assessore regionale al Turismo di Forza Italia Mauro Febbo, reo di aver spaccato, insieme al gruppo comunale azzurro, il centrodestra e di aver appoggiato al primo turno delle elezioni di Chieti, dove era candidato il leghista Fabrizio Di Stefano, una lista civica trasversale guidata da Bruno Di Iorio, nella quale c’erano pezzi di centrosinistra.

Il presidente della giunta regionale, Marco Marsilio, ha firmato questa mattina il decreto con il quale rimuove dal suo incarico l’assessore Mauro Febbo, assumendo temporaneamente su di sé le deleghe a lui attribuite. Domani pomeriggio alle 15 il governatore d’Abruzzo incontrerà i coordinatori regionali di Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia per condividere con loro il nuovo assetto della Giunta e l’azione della maggioranza, chiamata ad affrontare la gravissima crisi sanitaria ed economica in corso. 

Il presidente Marsilio ringrazia Mauro Febbo per l’ottimo lavoro svolto e la collaborazione prestata in ogni momento, certo che saprà assicurare il suo contributo all’azione di governo dei banchi della maggioranza in consiglio regionale.