The news is by your side.

Lavoratori in sciopero da due settimane, Landini (Cgil) ai vertici dell’Hatria: ritirate i licenziamenti

Teramo. “Il sindacato nella vertenza Hatria ha mostrato ampia disponibilità, tranne quella ad accettare i licenziamenti: adesso è importante costruire attorno a questa disponibilità un sostegno delle forze politiche e istituzioni locali”. Il messaggio di Maurizio Landini, della segreteria generale Cgil, è arrivato forte e chiaro nel piazzale dello stabilimento teramano dell’Hatria, che produce ceramiche sanitarie, la cui proprietà ha annunciato 55 licenziamenti e i cui lavoratori sono in sciopero da due settimane. “Siate uniti ai lavoratori, sia saggio e intelligente chi dell’azienda tratta la vertenza, affinché si riparta dalle proposte del sindacato e si tolgano dal tavolo i licenziamenti”. L’ex segretario generale dei metalmeccanici ha ricordato che bisogna far capire all’azienda che se si vuole continuare a produrre c’è bisogno di investire sul prodotto e sui processi produttivi. “Di bacchette magiche qui non ne ha nessuno – ha detto Landini – Qualsiasi decisione voi prendiate la mia confederazione è pronta a sostenervi e andare in fondo insieme a voi in questa battaglia.

Qui il punto è far ritirare i licenziamenti. Per mia esperienza ci sono due strade da battere: la prima è la vostra unità”. La
seconda è quella dell’assemblea pubblica, convocata per domani alle 11 davanti ai cancelli dell’azienda: “E’ molto importante che domani facciate questa assemblea, che vengano coinvolti i politici, le istituzioni, che non sia solo una passerella, ma che vengano presi impegni”. Nel suo intervento Landini ha anche sottolineato come, in caso di necessità, si possa valutare il coinvolgimento del Ministero nella vertenza. A chi gli ha fatto notare che l’attuale proprietà non è un gruppo industriale, bensì un fondo di investimento americano (la Cobe Capital che nel gennaio 2014 ha acquistato la Marazzi di Sassuolo di cui fa faceva parte anche l’Hatria), Landini ha
ricordato che questo fondo deve rispondere al territorio perché sta utilizzando le competenze di questi lavoratori: “Risponda loro e si renda conto che qui non sono disponibili a chinare il capo ulteriormente o di cedere ai licenziamenti. Utilizzino la saggezza e si rendano disponibili a un confronto vero”.