The news is by your side.

Legnini commissario per la ricostruzione: dedicherò le mie forze e impegno, inizia oggi una grande sfida

"Urge velocizzare la ricostruzione per garantire i diritti dei cittadini"

L’Aquila. “Con la nomina a commissario per la ricostruzione nelle quattro regioni del centro Italia, Abruzzo, Marche, Lazio e Umbria colpite dal sisma del 2016-2017, assumo una grande responsabilità alla quale dedicherò tutte le mie forze”. Commenta così Giovanni Legnini, ormai ex consigliere regionale di centrosinistra, la sua nomina a commissario per la ricostruzione. La conferma della nomina è arrivata ieri, come raccontato da AbruzzoLive.

“Una funzione di grandissimo impegno”, sottolinea l’ex candidato alla Regione Abruzzo, “che potrà portare risultati attesi già da troppo tempo soltanto ascoltando tutti e collaborando con i 140 sindaci che quotidianamente sono chiamati a farsi carico di enormi responsabilità, i 4 presidenti delle Regioni cui è affidata l’importante funzione di vice commissari, il governo e il parlamento cui spetta la responsabilità di assicurare norme, mezzi e risorse. Ringrazio il presidente del Consiglio e tutto il Governo per la fiducia accordatami”.

“Ringrazio per il lavoro svolto i sottosegretari e i commissari”, precisa Legnini, “che hanno già assolto alle importanti funzioni politiche e commissariali, Vasco Errani, Paola De Micheli, Vito Crimi e Piero Farabollini. Sono consapevole dell’urgente necessità di velocizzare la ricostruzione per garantire i diritti dei cittadini, in primo luogo a rientrare al più presto nelle loro case, e ripristinare le strutture e le condizioni per assicurare qualità di vita, di studio e di lavoro sui territori”.

“Potrò riuscirci solo con una costante e leale collaborazione con tutte le istituzioni e le formazioni sociali”, conclude l’esponente di centrosinistra, “e con una squadra competente e motivata, a partire dalle professionalità di chi già opera nelle struttura commissariale e negli uffici speciali. Inizia oggi una nuova grande sfida che affronterò con disciplina e onore”.