The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Legno gli penetra nell’occhio fino al cervello, operato con successo dopo incidente in campagna

Lanciano- Un incidente in campagna e un legno che trafigge l’occhio fino ad arrivare con la punta nella zona temporale del cervello. Potevano esserci conseguenze drammatiche per un uomo di Lanciano rimasto vittima nei giorni scorsi di un brutto incidente in campagna, ma un intervento di alta chirurgia eseguito a quattro mani nell’ospedale di Lanciano ha scongiurato conseguenze serie. sala_parto“Mentre stava sfalciando l’erba, l’uomo e’ caduto accidentalmente a faccia in giu’ finendo su una siepe. L’impatto e’ stato violento al punto che un frammento ligneo gli si e’ conficcato nell’orbita destra, fino a penetrare con la punta nella zona temporale del cervello – spiega in una nota l’ufficio stampa della Asl 2 Lanciano Vasto Chieti – quando si e’ presentato al Pronto Soccorso col volto insanguinato, lamentando dolore all’occhio, e’ stato sottoposto immediatamente a una serie di accertamenti diagnostici, Tac e risonanza magnetica ed esami angiografici, che hanno evidenziato la presenza del corpo ligneo in una posizione assai pericolosa, soprattutto per la vicinanza alla zona cerebrale”. Il caso e’ stato quindi valutato dal neurochirurgo Vincenzo Magliani e dal chirurgo maxillo-facciale Lanfranco D’Archivio, i quali hanno sottoposto l’uomo a un delicato intervento chirurgico a quattro mani per la rimozione del legnetto. “Si e’ trattato di un caso complesso – spiega nella nota D’Archivio – un trauma orbitario raro, con la penetrazione di corpo estraneo non limitata solo all’orbita, senza peraltro danneggiare l’occhio, ma estesa fino al lobo temporale, a livello della base cranica, sede anatomica di importanti strutture vascolari e nervose. Un tragitto reso possibile, probabilmente, dall’elasticita’ del ramoscello stesso che, piegandosi contro le pareti ossee orbitarie, e’ avanzato in sede intracranica, sfiorando anche i rami nervosi che provvedono alla motilita’ dell’occhio”. Una complessita’ chirurgica confermata anche dal dottor Magliani, per via del rischio di emorragie massicce a livello della base cranica. Un’eventualita’ che non si e’ verificata, grazie anche all’angiorisonanza magnetica particolarmente dettagliata eseguita dal primario radiologo Antonio Sparvieri che ha consentito ai chirurghi di intervenire con grande precisione. Anche il decorso post operatorio non ha presentato complicazioni e il paziente ora sta bene.