The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

“Liberatevi dei vostri cani e gatti, trasmettono il Coronavirus”: il cartello shock comparso in alcuni negozi

La Lega Nazionale per la Difesa del Cane: "È tutto falso"

L’Aquila. Uno sconcertante e fuorviante messaggio è apparso sulle vetrine di alcuni negozi del Friuli-Venezia Giulia, precisamente nei Comuni di San Giorgio di Nogaro e Bagnaria Arsa: l’assurdo appello, traboccante di pregiudizio inveritiero e cattiveria gratuita, esorta i proprietari di animali domestici a liberarsi degli stessi, perché considerati erroneamente veicolo di trasmissione del virus letale, che in Italia ha contagiato più di 2mila persone.

Secondo il cartello, il parere sarebbe stato espresso da eminenti, sedicenti scienziati americani. Panico e psicosi immotivati hanno già mietuto parecchie vittime pelose in Cina, dove i migliori amici dell’uomo sono stati spietatamente e vigliaccamente gettati dai balconi.

A fare ulteriore luce sulla questione è la Lega Nazionale per la Difesa del Cane: “Chiedo ai giornalisti e ai direttori dei giornali un maggiore senso di responsabilità e una maggiore attenzione quando si trattano questi argomenti”, dichiara Piera Rosati presidente LNDC Animal Protection. “Purtroppo siamo in piena psicosi e si sa che basta un titolo anche solo un po’ equivoco affinché le persone vadano nel panico, col rischio di aumentare il già alto numero di abbandoni e maltrattamenti sugli animali domestici. Come è ben noto a tutti quelli che si occupano di comunicazione, la concentrazione delle persone nella lettura è ormai a livelli minimi e spesso e volentieri si soffermano ai titoli o al massimo alle prime righe di un articolo. Relegare le informazioni più importanti al fondo del pezzo rischia soltanto di innescare un passaparola di dati inesatti e fuorvianti.

Colgo comunque l’occasione per ribadire ancora una volta che non c’è alcun rischio di contagio da animali domestici e umani, come affermato chiaramente dal ministero della Salute e da tutti gli organi competenti. L’unica accortezza che bisogna avere – come sempre e in particolare in questo periodo – è di lavarsi bene le mani, non solo quando si ha a che fare con i nostri amici a quattro zampe”, conclude Rosati.