The news is by your side.

Lo ferma la polizia ma mente dicendo di avere una visita medica, denunciato marsicano

Il 37enne dichiarava il falso nell'autocertificazione spostandosi in un altro Comune

Avezzano. Lo ferma la polizia ma mente dicendo di avere una visita medica, denunciato marsicano. Come noto in questa delicata fase di “emergenza sanitaria” tutti gli spostamenti devono corrispondere a criteri di necessità, limitandosi alle sole esigenze lavorative ai motivi di salute o agli stati di necessità e comunque in tutti questi casi devono essere autocertificati e di questo ne sono ben consapevoli gli agenti del commissariato della polizia di Stato di Avezzano che operano quotidianamente per il rispetto delle prescrizioni dell’ultimo Dpcm del 3 novembre e dell’ordinanza del presidente della Regione Abruzzo numero 102 del 16 novembre, che hanno accertato la falsità in autocertificazione presentata da N.T, un marsicano di 38 anni.

L’uomo, fermato ad Avezzano, aveva dichiarato in autocertificazione che si stava recando in una struttura sanitaria pubblica per una visita medica programmata, ma così non era. Infatti già da una prima verifica telefonica gli operatori di Polizia avevano constatato che in realtà non vi era alcuna prenotazione per quel giorno da parte di N.T.,  tanto che lo stesso per la sua mendace dichiarazione è stato sanzionato ai sensi dell’art. 4 del D.L. 19/2020 per aver violato le disposizioni di cui all’art. 2 del Dpcm del 3 novembre, poiché aveva lasciato il proprio domicilio recandosi in altro Comune senza una valida giustificazione.

Anche le successive indagini svolte nella Asl1 Abruzzo hanno permesso di verificare che la visita medica dichiarata dall’uomo non era prenotata per quel giorno ma per un altro giorno. Quest’ultimo accertamento ha permesso di denunciare N.T. alla Procura della Repubblica di Avezzano contestandogli  il reato di cui all’art. 495 del Codice Penale per aver  dichiarato il falso nell’autocertificazione esibita agli agenti al momento del controllo.

La pena prevista per tale violazione è la reclusione da uno a sei anni.