The news is by your side.

Lo sport ai tempi del Coronavirus: il ministro Spadafora riceve il Premio Pinguino d’Oro 2020

Pescara. Si è svolta ieri la cerimonia di premiazione, in diretta sulla piattaforma digitale Zoom, durante la quale il direttore sportivo, Nazzareno Di Matteo e il presidente della Pinguino Nuoto, Daniela Sorge hanno virtualmente consegnato la targa “Pinguino Platinum” al Ministro Vincenzo Spadafora, collegato in diretta da palazzo Chigi. Il ministro, premiato per i provvedimenti adottati nell’emergenza Coronavirus a favore del mondo dello sport, tra cui i bonus da 600 e 800 euro ai collaboratori sportivi, e i contributi alle società dilettantistiche, ha rimarcato quanto questo sia stato un anno particolare per il mondo dello sport, mesi difficili, in cui  si è voluto dare il massimo supporto ai gestori di società, associazioni sportive e lavoratori del settore.

Sulla scia della tradizionale premiazione del “Pinguino d’Oro”, consegnata “virtualmente”la targa a due sportivi di livello mondiale: il numero uno della pallanuoto, eletto miglior pallanuotista del mondo dal periodico Swimming World Magazine e vincitore del LEN Award 2019, Francesco Di Fulvio, eccellenza abruzzese, il quale ha sottolineato quanto sia forte il legame con la sua terra d’origine. Il tutto culminato con un simpatico sipario tra il giovane atleta e il ministro Spadafora, legati dalla passione comune per il mondo del calcio. “Pinguino d’Oro” anche all’oro olimpico a Sidney 2000 e campione mondiale a Fukuoka 2001, Massimiliano Rosolino,  abruzzese d’adozione, il quale ha raccontato poi del suo stretto legame con l’Abruzzo. Il noto campione olimpico aveva scelto quest’estate il centro sportivo pescarese Le Naiadi come sede della seconda edizione del suo swim camp. Rosolino ha parlato di quanta “passione si investa nel mondo dello sport, di quanto esso sia un traino per i giovani, di quanto sia forte l’idea comune di dare slancio a questo mondo, messo duramente alla prova in questi mesi”.

Consegnata la targa “Pinguino Platinum” al Ministro Vincenzo Spadafora, questi ha quindi sottolineato” quanto l’epidemia abbia messo in luce un mondo spesso trascurato e bisognoso oggi più che mai di sostegno e interventi. Un ringraziamento alle Naiadi, di quante risorse ed energie siano state impiegate in questi anni per valorizzare l’intero settore, di quanto queste realtà rappresentino un valore sportivo, di aggregazione e socialità, principi questi dal valore inestimabile”. Spazio anche al tema delle riaperture:”Spero entro gennaio si abbiano degli spiragli per permettere gradualmente di ricominciare, andrà tutto bene se nulla sarà come prima”.

Intervenuti per i saluti istituzionali il sindaco di Avezzano, Giovanni Di Pangrazio, il sindaco di Pescara, Carlo Masci, l’assessore allo sport della Regione Abruzzo, Guido Quintino Liris, e il presidente Ciwas, Andrea Panbianchi. Tra i presenti, gli onorevoli Gianluca Vacca e Simone Valente, il presidente della Fin Abruzzo, Cristiano Carpente e il presidente Coni Abruzzo, Enzo Imbastaro. Intervenuto anche l’allenatore federale Pinguino di Avezzano Mario Paris per esprimere gratitudine al ministro Spadafora, rimarcando quanto il suo operato abbia donanto dignità e considerazione a una categoria per troppo tempo passata in secondo piano.