The news is by your side.

L’ordine degli Architetti della provincia di Teramo scrive alla Regione: il lavoro va sempre retribuito

Teramo. Con una nota inviata alla direzione turismo della regione Abruzzo e, per conoscenza, al presidente Marsilio e all’assessore Di Febo, l’ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Teramo evidenzia come nel bando del concorso di idee per la realizzazione del marchio “Abruzzo BikeFriendly” la Regione abbia previsto come premio, per il vincitore, “formale attestato di riconoscimento rilasciato in occasione della  conferenza stampa di presentazione del marchio che sarà indetta dall’Assessorato regionale”.

“Tale previsione”, scrive il presidente dell’Ordine degli Architetti Raffaele Di Marcello,”risulta lesiva della dignità professionale dei partecipanti ponendosi, tra l’altro, in contrasto con la deontologia professionale di architetti e ingegneri. Meraviglia che”, continua Di Marcello,”la Regione che con la L.R. 4 luglio 2019, n. 15 ha fornito “Disposizioni in materia di tutela delle prestazioni professionali e di equo compenso”, dichiarando, all’art. 5 di detta normativa “La Regione, gli enti dipendenti e le societa’ controllate garantiscono, nell’affidamento e nell’esecuzione degliincarichi conferiti ai professionisti, il diritto all’equo compenso e contrastano l’inserimento delle clausole vessatorie” bandisca un concorso di idee per un logo che, per la sua rappresentatività ed importanza, non può essere concepito ed elaborato in maniera dilettantistica, senza prevedere alcun compenso monetario”.

“Non dovrebbe essere necessario sottolineare”, conclude il presidente dell’Ordine Di Marcello,” che l’ideazione e la realizzazione di un logo istituzionale non è questione di pochi minuti e comporta l’utilizzo di risorse intellettuali e materiali non da poco, senza contare la necessità di specifica professionalità, e che si tratta, quindi, di una vera e propria prestazione professionale, e come tale va adeguatamente retribuita.” Gli architetti, quindi, chiedono alla Regione Abruzzo di integrare il bando con la previsione di un adeguato compenso almeno per i primi tre classificati, seguendo le procedure di cui al D.Lgs. 50/2016.