The news is by your side.

Macroregione Adriatico – Ionica, D’Alfonso: obiettivo entrare nel dossier Junker

Ortona. Luciano D'AlfonsoInserire la strategia della macroregione adriatico-Ionica, che sara’ lanciata martedi’ prossimo a Bruxelles, nel dossier Junker per accedere ad un plafond di circa 10 miliardi di euro. Si tratta delle risorse che mette a disposizione l’Unione europea, nell’ambito della programmazione 2014-2020, per favorire la connettivita’ dei sistemi infrastrutturali d collegamento. E’ l’obiettivo che il presidente della Regione Abruzzo, Luciano D’Alfonso, intende perseguire e per il cui raggiungimento attende risposte in tempi brevi dal sottosegretario Gozi che e’ il delegato del governo italiano. D’Alfonso lo ha riaffermato, ieri pomeriggio, ad Ortona, a palazzo Corvo, in occasione del convegno sulla strategia della macroregione Adriatico-Ionica che e’ stato l’evento conclusivo della tre giorni di permanenza nel mare abruzzese della portaerei Cavour, nave ammiraglia della Marina Militare. “Questo progetto di cooperazione rafforzata partito dal basso – ha affermato D’Alfonso – e’ diventato dapprima una strategia ed oggi e’ una vera e propria misura istituzionale. Per darle concretezza – ha proseguito – occorre che questa comunita’ transnazionale di circa 57 milioni di persone e con ben 6 milioni di imprese attive non solo parli un linguaggio univoco ma sia anche in grado di proporre un progetto comune di connettivita’ che riesca a cucire insieme ferro, gomma, acqua e cielo. La domanda da porsi – ha aggiunto il presidente – e’ se accanto alle reti Tent sia possibile immaginare una dotazione infrastrutturale e logistica nella sagoma della macroregione Adriatica”.  Al convegno di Ortona, oltre all’ambasciatore croato in Italia, Damir Grubisa, hanno preso parte, tra gli altri, anche il sindaco di Spalato, Ivo Baltasar, il presidente della Regione Molise, Paolo Di Laura Frattura, l’assessore alle politiche comunitarie della Regione Marche, Paola Giorgi, ed il relatore della strategia della macroregione Adriatico-Ionica, l’europarlamentare croato Ivan Jakovcic.