The news is by your side.

Maltrattamenti nella casa di riposo: figlia del titolare condannata in appello

Lanciano. Parziale riforma della Corte d’ Appello di L’Aquila per la vicenda della Casa dell’Anziano di Lanciano che nel 2010 portò all’arresto della titolare Eva Bucciarelli, 46 anni, e della figlia collaboratrice cuoca Arianna Di Tommaso(25), inizialmente accusate di concorso in maltrattamenti aggravati da lesioni gravi o gravissime con evento morte di due anziani ospiti. In primo grado a Lanciano, il 4 maggio 2015, la Corte d’Assise derubricò il reato in maltrattamenti semplici e abbandono di persone incapaci. Bucciarelli venne così condannata a 3 anni di reclusione, mentre la figlia assolta con il medico condotto Ciro Gnagnarella, erroneamente ritenuto sanitario della struttura e chiamato in causa per concorso di reato.

Oggi i giudici aquilani hanno invece condannato a 2 anni di reclusione, pena sospesa, anche Arianna Di Tommaso, ritenuta coadiuvatrice della madre nella gestione del centro anziani. Confermata poi la condanna a 3 anni per la madre e l’assoluzione per il medico. La difesa delle donne preannuncia ricorso in Cassazione. Nel suo atto accusatorio la procura di Lanciano sosteneva inoltre che molti anziani erano mal tenuti, alimentati con cibi scarsi e scadenti e somministrazione di farmaci senza prescrizione medica. Tutte le aggravanti caddero già nel corso della sentenza di primo grado.