The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Marinelli svende l’area senza portare a termine il parcheggio, Filippone: no alla speculazione edilizia

Pescara. Il sindaco di Pianella Marinelli svende l’area senza garantire e portare a termine un vero Parcheggio pubblico per la collettività della città. “Nell’ultimo Consiglio Comunale dello scorso 6 marzo”, fa sapere in una nota Gianni Filippone, consigliere del capogruppo di Pianella Vicina, “la maggioranza ha approvato il piano delle alienazioni e delle valorizzazioni immobiliari, nel quale è previsto che il Comune di Pianella, attraverso un accordo di programma con un soggetto privato, offre gratuitamente le aree del parcheggio di Borgo Carmine permettendo allo stesso di costruire un indefinito numero di appartamenti, in cambio della realizzazione di un parcheggio ad “uso pubblico” ed alcune aiuole adiacenti”.

“Innanzitutto l’area del parcheggio di Borgo Carmine”, precisa Filippone, “non è un terreno inutile da alienare, ma è certamente un’opera pubblica non completata, finanziata dalla Provincia di Pescara nel 2008 con un contributo di 201mila euro con il fine specifico di realizzare un parcheggio pubblico a beneficio del centro storico. Infatti, la Giunta Comunale con la delibera n 165 del 03-11-2008 approvò il progetto-stralcio del primo lotto e i lavori furono appaltati nel 2010 alla Ditta Cascini Group la quale realizzò solo in parte il progetto”.

“La somma a disposizione”, spiega il consigliere comunale, “fu utilizzata con 150mila euro per l’acquisto del terreno, 16mila euro per le spese tecniche, 34mila per i lavori, per un totale di 201mila euro. La volontà dell’amministrazione del sindaco Marinelli di svendere l’area al privato, era evidente già alcuni mesi dopo l’inizio del suo primo mandato nel 2013. Infatti, il Consiglio Comunale con delibera N° 71 del 28 agosto 2013, decideva di procedere con accordo di programma “all’individuazione di un soggetto privato che, a fronte dell’acquisizione delle aree edificabili”, a carico del privato vi erano le seguenti prescrizioni: La progettazione della variante al PRG attraverso un programma complesso; La redazione di uno studio di Microzonizzazione Sismica; La realizzazione delle opere pubbliche previste dalla variante PRG già approvata; Il completamento del parcheggio e il verde pubblico, con un idoneo raccordo tra l’area di  parcheggio e la sovrastante via Borgo Carmine. Invece nessun privato manifestò l’interesse per quella proposta”.

“La “bravura” di cui si vanta il sindaco Marinelli di intercettare i finanziamenti per le opere pubbliche”, prosegue Filippone, “in questo caso non si è vista, non a caso, in cinque anni non c’è stata nessuna volontà di cercare finanziamenti per completare il parcheggio, anche se occorreva una minima spesa. Regalare ad un privato l’area del parcheggio in cambio della costruzione di un palazzo, non sembra proprio una “valorizzazione” di un immobile comunale. Se si tratta di  “alienazione”, cioè una vendita, è lecito porre due domande:

  • Quanto incasserà effettivamente il Comune di Pianella?
  • La trasparenza è stata garantita?
  • Quanto guadagnerà il privato dalla vendita degli appartamenti?

“I fatti dimostrano chiaramente che il sindaco Marinelli non vuole portare a termine questa opera pubblica”, continua, “scambiando il terreno a parcheggio, ossia il primo lotto realizzato, con l’ennesima colata di cemento a ridosso del centro storico. E’ evidente che siamo di fronte ad una procedura poco chiara, quindi si può definire una speculazione edilizia promossa e approvata dall’amministrazione comunale, a scapito dell’interesse pubblico poiché è necessario un vero parcheggio a servizio di tutti i cittadini Pianellesi, vista l’annosa carenza visibile soprattutto nei giorni di mercato e delle manifestazioni pubbliche”.

“Inoltre”, afferma Filippone, “si dovrebbe tener conto anche del ruolo di “polmone verde” dell’area, e della tutela del paesaggio rilevato anche dalla relazione della Soprintendenza B.P.A. allegata alla suddetta delibera C.C. N° 71.Nessun obiettivo strategico si evince da quanto pubblicato, ma solo fumo e scarse capacità progettuali e tanti sogni irrealizzabili di Marinelli, si ricorda il suo vecchio cavallo di battaglia in campagna elettorale 2013, del parcheggio sotterraneo in Piazza Caduti di Nassirya, inserito nel 2014, nel Piano triennale Opere Pubbliche, e poi scomparso negli anni successivi”.

“Un’amministrazione efficiente che vuole recepire le necessità dei cittadini”, conclude il consigliere comunale, “in funzione di uno sviluppo economico e turistico, redige un Piano urbano della Mobilità con una verifica concreta della quantità di Parcheggi occorrenti “stalli di sosta” adiacenti ai centri urbani. In questo modo è possibile guardare al futuro per lo sviluppo di Pianella”.