The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Abruzzese truffato con la ricarica PostePay da un Trevigiano, la polizia lo rintraccia

Carsoli.  E’ stato truffato con la ricarica PostePay da un Trevigiano. Si tratta di un marsicano, di Carsoli, che aveva messo in vendita degli pneumatici su internet.

In questo caso il truffato è stato il venditore, non l’acquirente, ma il venditore che in buona fede ha fornito  al cliente il codice pin della propria carta PostePay per ricevere un acconto. Al controllo dell’estratto conto il venditore anziché l’acconto stabilito ha trovato un prelievo di pari importo.

Il marsicano di 50 anni, dopo aver messo in vendita le gomme online, ha trovato subito un acquirente  che ha offerto una caparra di 250 euro con l’accordo di versare il saldo, altri 250 euro, alla consegna.

Come funziona la truffa. Per ricevere i 500 euro il marsicano ha però fornito  il codice pin della PostePay. Codice che in realtà serve solo per prelevare dalla carta ma non è necessario per ricaricare la carta. Così il trevigiano ha prelevato invece di versare due trance da 250 euro. Quindo l’uomo di Carsoli se ne è accorto ha bloccato la carta e denunciato il fatto alla polstrada di Carsoli. Gli agenti hanno avviato un’indagine e identificato il truffatore anche  controllando il conto corrente dove risultava il versamento della somma sottratta allo sprovveduto marsicano.