The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Marsilio a Costa: sinergia tra Regione e Ministero; tutela ambiente come occasione di sviluppo, non come imposizione di limiti e vincoli

L’Aquila. “Una occasione preziosa per dimostrare in che maniera i parchi possono diventare un valore aggiunto per promuovere il territorio”: così il presidente della Regione, Marco Marsilio, ha definito la visita che il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha fatto all’Aquila nel pomeriggio di ieri, nell’ambito della quale ha anche partecipato all’inaugurazione di un esercizio commerciale che produce e vende essenze e cosmetici utilizzando erbe spontanee del Parco Nazionale d’Abruzzo. In mattinata il ministro ha fatto visita alla sede del Parco, a Pescasseroli, dove sono stati presentati alla comunità i nuovi presidente e direttore dell’ente.

“Occasione – ha commentato Marsilio – che serve anche a dimostrare che la protezione dell’ambiente non va intesa come imposizioni di vincoli e di limiti, ma come occasione di sviluppo sostenibile e di crescita per una intera comunità”. Marsilio ha poi riferito di aver consegnato al responsabile del Dicastero per l’Ambiente un ‘dossier’ contenente le principali emergenze che riguardano i rapporti tra la Regione e il Ministero: “un dossier che comprende il tema dell’erosione della costa e degli interventi urgenti e necessari per mettere in sicurezza la costa e i punti più critici”.

Tra le tematiche proposte dalla Regione Abruzzo, anche la questione dei rifiuti “su cui il ministero ha giacenti una serie di progetti che la Regione ha presentato e che sono ancora fermi in attesa di autorizzazione e di permessi da parte degli uffici”. Altra questione posta all’attenzione di Costa è quella della realizzazione dell’impiantistica che fa parte del ciclo dei rifiuti. “Abbiamo affrontato – ha sottolineato Marsilio – anche il tema delle bonifiche e delle discariche, prima di tutte la questione di Bussi e abbiamo consegnato al ministro alcuni temi che stanno a cuore della nostra regione e sui quali serve una sinergia tra governo regionale e governo nazionale”