The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Marsilio incontra a Pescara il presidente dell’autorità portuale, insieme per rilanciare il sistema abruzzese

Pescara. Si è tenuto oggi a Pescara un incontro tra la Regione Abruzzo e l’Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Centrale. Per la Regione Abruzzo erano presenti il presidente della Giunta, Marco Marsilio, il presidente del Consiglio regionale, Lorenzo Sospiri, l’assessore Piero Fioretti, il sottosegretario Umberto D’Annuntiis e il consigliere regionale Guerino Testa, già commissario al dragaggio del porto di Pescara.

Per l’Autorità portuale erano altresì presenti il presidente Rodolfo Giampieri e il segretario generale Matteo Paroli. Entrambe le parti hanno condiviso la necessità di intervenire rapidamente e con efficacia per rilanciare e potenziare il sistema portuale abruzzese e hanno approfondito lo stato dell’arte su progetti e risorse disponibili. In questo rinnovato spirito di collaborazione, Regione Abruzzo e AdSP del Mare Adriatico Centrale hanno stabilito di assumere gli impegni di seguito descritti, che saranno presentati e sottoposti al viceministro, l’onorevole Edoardo Rixi, il prossimo 11 aprile nella riunione organizzata presso il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, e che formeranno oggetto di un addendum al “Protocollo ricognitivo e di Coordinamento” già in essere:

1) I 730.000 euro residui, già stanziati per il dragaggio, verranno trasferiti alla Regione Abruzzo: parte di questi fondi potranno così essere immediatamente utilizzati come estensione dell’appalto in corso;

2)Anticipazione dal 2021 al 2020 della somma di 1.000.000 di euro destinata alla progettazione del terzo lotto della deviazione del Porto Canale – Banchina Sud. Regione Abruzzo ha già appaltato il primo lotto e deliberato l’impegno fondi per il secondo (ora assoggettato a procedura di Via nazionale). L’anticipazione della progettazione del terzo lotto consentirà di ridurre i tempi per il completamento dell’opera;

3) Compartecipazione dell’AdSP alle spese di caratterizzazione dei sedimenti affidate all’Arta;

4) Richiesta al Provveditorato alle Opere Pubbliche dello svuotamento della vasca di colmata, atteso da anni.