The news is by your side.

Marsilio sui fondi europei: in Abruzzo si spendono tutti. Creare programmazione in base a bisogni reali del territorio

Roseto degli Abruzzi. “Siamo orgogliosi dei risultati raggiunti in tema di spesa dei Fondi Europei, e per questo ringrazio gli uffici che hanno saputo anche mettere in campo una capacità professionale, amministrativa non comune, che ha permesso all’Abruzzo di cambiare completamente passo.

Abbiamo in alcuni assi dei piani operativi raggiunto il 240% di incremento di spesa, e accelerazione
della spesa, e vuol dire che in alcune situazioni, se fino all’anno scorso si spendeva cento, questo anno si è speso 200-240, e questo è un fatto importante che sfata un luogo comune secondo il quale i fondi si restituiscono”. Lo ha detto il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, nel corso dell’evento #abruzzoue “Il futuro è partecipato” che si sta tenendo oggi a Villa Paris di Roseto degli Abruzzi, per ascoltare la società civile e ricevere proposte e suggerimenti prima del nuovo programma per l’assegnazione delle risorse alla regione.

“Invece in Abruzzo si spendono tutti e li stiamo spendendo tutti” ha spiegato Marsilio “e anche sull’asse che era più in difficoltà, quello dell’agricoltura, attendiamo a giorni di poter dare buone notizie anche su questo settore. Abbiamo voluto coinvolgere il corpo vivo della società in queste scelte. Non era mai stato fatto in passato con questa forma e con questa organizzazione. Stiamo ricevendo da tutte le categorie apprezzamento per questo lavoro, io credo che per fare la Programmazione buona dal 2021 al 2027 nel prossimo ciclo, dobbiamo avare l’umiltà e la capacità di ascoltare il territorio, gli imprenditori, le istituzioni, gli atenei, tutti gli attori della società abruzzese e che ci sappiano descrivere tutti i bisogni reali della gente, dei territori e delle imprese e sulla base di questi bisogni reali andare poi a calare la Programmazione nel dettaglio”.

Oltre duecento rappresentanti delle istituzioni e delle organizzazioni datoriali e sindacali – iscrittisi attraverso la piattaforma sul portale regionale, stanno partecipando ai tavoli di lavoro dedicati agli indirizzi strategici delineati dall’Unione Europea: un’Europa più intelligente, un’Europa più verde, un’Europa più connessa, un’Europa più sociale, un’Europa più vicina ai cittadini, un’Europa più attenta alle risorse del mare e della terra. Obiettivo della giornata è quello di avviare un percorso di confronto e ascolto con la cittadinanza e inaugurare così una nuova metodologia di lavoro per l’individuazione degli obiettivi da inserire e da raggiungere con la futura programmazione dei fondi europei.