The news is by your side.

Martiri Ottobrini, Comitato Lanciano a Sinistra: ricordo più significativo di lotta e resistenza

Lanciano. “Le giornate del 5\6 ottobre del ’43 rappresentano per noi lancianesi, il momento più significativo di lotta e di resistenza,opponendosi alle brutalità nazifasciste. Gli ideali di libertà e solidarietà che spinsero quei giovani,a ribellarsi alle atrocità e alle violenze commesse dal regime totalitario fascista,sono ancora oggi il seme del nostro vivere presente”. Così il Comitato Lanciano a Sinistra.

“Superare le intolleranze attraverso l’inclusione,il dialogo e il rispetto delle diversita’ sono i valori che attualmente andrebbero sviluppati nella nostra comunita’,per renderla immune a nuove forme di discriminazioni e autoritarismi. E’ necessario”, prosegue il Comitato Lanciano a Sinistra ,”in questo periodo,dove l’umanità si trova a dover fronteggiare una pandemia globale che ha generato una crisi economica senza precedenti,costruire insieme una comunità solidale che produca benessere e serenità per tutti,senza lasciare indietro nessuno. Per questo bisogna ancora lottare e resistere,per fare in modo che anche nella nostra città,non sia amministrata da formazioni politiche che fanno dell’odio sociale,dell’intolleranza e dell’esclusione,i loro cavalli di battaglia come la Lega,Fratelli d’Italia,Casapound o Forza Nuova”.

Proponiamo inoltre al Comune,dopo aver eseguito finalmente i lavori di pulizia del Parco Diocleziano,lasciato nell’abbondono e all’incuria da ormai molti anni,di riqualificare e rigenerare quell’area verde, sistemando anche la zona antistante dove fu il luogo simbolo della rivolta ,creando un piazzale da intitolare alla Resistenza lancianese”, conclude il Comitato Lanciano a Sinistra.