The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Mascitelli (Idv): non vogliamo nessun manuale Cencelli, ma rispetto per il pluralismo

Pescara.  “ Riguardo alle indiscrezioni che stanno circolando, in questi giorni, sul toto assessori o sulle presunte nomine negli enti strumentali, la posizione del mio partito sarà molto semplice e trasparente ”. E’ quanto ha dichiarato il segretario regionale dell’ IdV Alfonso Mascitelli sulle notizie apparse sulla stampa che vedrebbero il suo partito non rappresentato nella composizione della nuova giunta regionale. “ Noi rispetteremo le prerogative che la legge attribuisce al PresideMascitellinte, ma, sino a prova contraria, siamo rimasti all’intesa condivisa che prevedeva per i partiti costitutivi dell’alleanza e che, tra l’altro, si erano confrontati nell’importante passaggio delle primarie una rappresentanza in giunta e la comune corresponsabilità nelle scelte di governo. E’ evidente che non abbiamo ne l’ingenuità ne la presunzione di aspirare all’unico ruolo di assessorato esterno, che sarà destinato a quelle liste destinatarie di un consenso popolare più ampio, ma il  nostro eletto in Consiglio Regionale, chiunque sia tra le diverse provincie, ha competenze non inferiori ai rappresentanti delle altre formazioni. Per quanto riguarda, poi,  i ruoli che dovranno essere assegnati negli enti strumentali siamo d’accordo con quanto dichiarato dal Presidente D’Alfonso e da alcuni esponenti del PD che il manuale Cencelli è ormai un vecchio arnese da archiviare, che offende soltanto il bisogno di cambiamento richiesto dagli abruzzesi. Per questo sulle competenze, le esperienze e le professionalità necessarie siamo pronti a confrontarci con tutti, senza pregiudizi, per fare le scelte giuste che possono servire al meglio gli abruzzesi. Con una piccola raccomandazione – ha concluso Mascitelli – che si stia attenti a verificare che dietro ogni competenza e esperienza ci sia anche una storia di coerenza, visto che di italiani che corrono in aiuto del vincitore ve ne è sempre una grande moltitudine, come ci ricordava il nostro Flaiano”.