The news is by your side.
Consorzio Vini D’Abruzzo 3

Messa in sicurezza Gran Sasso, Liris: per il Governo l’Abruzzo è una regione di serie B, servono fatti

L'assessore regionale: "Fratelli d'Italia presenterà interrogazione parlamentare"

L’Aquila. “A fronte della grave situazione in cui versa la zona del Gran Sasso, le contestazioni del commissario per la messa in sicurezza, Corrado Gisonni, suonano come l’ennesima dimostrazione dello scarso interesse che il governo nazionale riserva alla nostra Regione”. Così l’assessore regionale al Bilancio, Personale e Zone Interne Guido Liris, in quota Fratelli d’Italia, ex vice sindaco dell’Aquila, sulle criticità in merito al progetto di messa in sicurezza del sistema idrico del Gran Sasso, innescato dalla lettera del commissario straordinario nella quale ha denunciato in sostanza di non poter operare.

“La verità”, continua Liris in una nota, “è che si è perso troppo tempo dalla indicazione del professor Gisonni, avvenuta a fine luglio 2019, alla sua nomina nel mese di ottobre. Ritardi a cui se ne sommano di ulteriori, per ben oltre quattro mesi di vacatio in cui la struttura non è stata resa operativa. La Giunta Marsilio già nel mese di aprile 2019 aveva chiesto la nomina del Commissario straordinario affinché potesse valutare l’esistenza dei presupposti per lo stato di emergenza ed avviare tutte le procedure di messa in sicurezza del bacino idrico, dei laboratori e dell’autostrada”.

“Mettere in sicurezza quell’area doveva rappresentare una priorità assoluta per tutte le problematiche, ben note, ad essa collegate”, sottolinea l’esponente regionale del partito di Giorgia Meloni, “ma evidentemente l’Abruzzo continua ad essere considerata una regione di serie B. Un Abruzzo che degli annunci non sa più che farsene, ha bisogno di fatti e di un Governo presente. E di questo si denuncia la distrazione dei parlamentari abruzzesi del Pd e del M5 stelle che rincorrono le emergenze invece di assicurarsi che il proprio governo rispetti l’Abruzzo. Ci aspettiamo una pronta chiarezza sulla questione”, conclude Liris, “ed è per questo che il Gruppo parlamentare di Fratelli d’ Italia presenterà una apposita interrogazione”.