The news is by your side.

Muore mentre svuota la cantina allagata dopo il nubifragio, carabiniere in pensione colto da un malore

Avezzano. E’ morto mente tentava  di ripulire la cantina allagata da acqua e fango. La vittima è un carabinieri in pensione, che dopo il  nubifragio che ieri pomeriggio si è abbattuto  su Avezzano su gran parte dei comuni marsicani, era corso in cantina per salvare tutto ciò che era all’interno e ripulirla dall’allagamento. Si tratta di Sante Salvati, 71 anni, di Avezzano, da tutti conosciuto come Santino e che per tanti anni aveva lavorato alla compagnia di Tagliacozzo.

Secondo la ricostruzione dei fatti, stava cercando asciugare la cantina invasa dall’acqua durante il temporale ma è stato colto da un malore. Nonostante i tentativi di soccorso per lui non c’è stato nulla da fare. L’ex militare dell’Arma era stato in servizio, prima della pensione, al nucleo operativo  di Tagliacozzo.

Cordoglio per l’accaduto è stato espresso dalla  sezione avezzanese dell’Associazione italiana giovani avvocati (Aiga) che si sono uniti “al dolore dell’amico e collega Mirko Salvati per la prematura e improvvisa perdita del papà Santino”. I funerali si terranno domani alle 15.30 nella chiesa parrocchiale della Santissima Trinità ad Avezzano.

Tutti ricordano Sante Salvati come un carabinieri serio, integerrimo, dedito al lavoro, all’Arma e alla famiglia.

A rischiare per l’alluvione di ieri anche i passeggeri di un’auto rimasta intrappolata nel sottopasso di Avezzano, lungo la ex via Albense. Sono intervenuti gli agenti della polizia locale, i vigili del fuoco e i tecnici del Comune con il Commissario prefettizio.