The news is by your side.

Nardella: viale stazione di Sulmona in pessime condizioni. Confido in maggiore attenzione dell’amministrazione

“Come è dato sapere, domani 27 agosto ricorre l’anniversario del bombardamento che, in maniera infausta, portò i testimoni di allora a contare centinaia di morti e alcuni dispersi (giacché di loro vennero recuperati solo alcune parti dei loro corpi).
Ha affermato il componente della segreteria confederale Uil CST Adriatica Gran Sasso Mauro Nardella, che ha poi continuato: “correva l’anno 1943 quando ciò accade e da diversi anni puntualmente mi reco (così come spero di farlo anche domani) dinanzi il piazzale della stazione per partecipare alla commemorazione delle vittime. L’auspicio sarà quello di farlo, visto che ci andrò a piedi percorrendo il tratto di strada che dalla cattedrale porta al piazzale della stazione, non dovendo sottostare all’obbligo di dovermi inventare gimkane per evitare deiezioni canine e che in quantità industriali impegnano l’intero e lungo marciapiedi.
Così come spero di non venire investito in prossimità della strettoia che si erge sul ponte sotto il quale scorre il fiume Gizio o, si spera, di non dover distogliere lo sguardo da discariche improvvisate che alcuni incivili e sporchi cittadini evidentemente non se ne guardano dal nonpraticare. A dir la verità una migliore attenzione non la meritano solo le vittime che per il sangue versato colorarono di rosso l’intero viale ma le persone che scelgono di percorrere quel tratto di strada a piedi e tra questi i turisti, gli studenti, i pendolari e i cittadini che in quella zona ci abitano.
L’auspicio è che l’amministrazione comunale (che quando viene chiamata in causa spesso raccoglie l’invito) si adoperi affinché quel tratto di strada e non solo venga reso decoroso attraverso la continua pulizia, la messa in sicurezza del ponte, la bonifica delle piccole discariche, l’implementazione di dissuasori di velocità e, ci aggiungerei, una più assidua potatura degli alberi.
Se a ciò l’amministrazione comunale ci aggiungerà anche un maggior controllo per far sì che quel tratto di strada non venga scambiato per una pista di formula uno allora potremo sicuramente dire che il percorso intrapreso sarà quello giusto. Il vice segretario generale Uil PA polizia penitenziaria Abruzzo e