The news is by your side.

Nell’amaro c’è la plastica, Campari richiama Averna. Quali rischi per l’Italia ?

Ancora un altro sensazionale richiamo nella vendita al dettaglio tedesco! Dopo Mars ora tocca allo scandalo del liquore alle erbe “Averna”. Campari ha ordinato in Germania il ritiro del popolare amaro, in quanto alcuni consumatori hanno denunciato all’azienda la presenza di corpi estranei di plastica all’interno della bevanda alcolica. Gli amanti tedeschi dell”Averna sono avvisati di non berlo, in quanto potrebbero contenere plastica. Processed with VSCOcam with 8 presetIl richiamo si ritiene che sia stato attivato dopo ci si è accorti che le bottiglie interessate presentavano il beccuccio di plastica integrato danneggiato da un errore di produzione durante la tappatura delle bottiglie. Quando si versa potrebbero le parti in plastica essere versate nel bicchiere. Il difetto è facilmente riconoscibile: Nei prodotti interessati è la parte visibile del beccuccio di plastica, che si trova all’estremità superiore del collo della bottiglia. I singoli pezzi di plastica potrebbero potenzialmente rompersi all’apertura della parte superiore della bottiglia. Il liquore per sé non dovrebbe essere influenzato. Secondo Campari, il rischio che le singole parti in plastica possano entrare nella bottiglia è molto basso. In riferimento alla notizie provenienti dalla Germania, comunica Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, sino ad oggi il Ministero della Salute non ha precisato se i prodotti in questione siano esclusi dalla commercializzazione sul mercato italiano. E’ la stessa Campari che non rassicura i consumatori nostrani specificando con una nota che il richiamo del prodotto non coinvolge in alcun modo l’Italia.