The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Nelle aule del tribunale di Pescara entrano solo soggetti coinvolti nei singoli processi. E intanto si riempiono i corridoi

Pescara. Corridoi affollati e aule semivuote, questa mattina, nel Palazzo di Giustizia di Pescara, per via delle disposizioni impartite dai vertici del Tribunale, a scopo precauzionale, al fine di arginare la diffusione del contagio relativo al Coronavirus.

Questa mattina hanno avuto accesso alle aule, oltre al personale di cancelleria, soltanto magistrati, avvocati, imputati e testimoni direttamente coinvolti nei singoli processi e procedimenti. Tutti gli altri hanno dovuto attendere il proprio turno all’esterno e in particolare nei corridoi, dove si sono affollate decine di persone.

A partire da domani e fino al prossimo 20 marzo, peraltro, le aule resteranno vuote, in seguito all’astensione “dalle udienze e da tutte le attività giudiziarie, in ogni settore della Giurisdizione”, indetta a livello nazionale dall’Ufficio di coordinamento dell’Organismo congressuale forense, proprio allo scopo di contrastare la diffusione del Coronavirus.