The news is by your side.

No alle auto parcheggiate sulla Strada Parco, Alessandrini (M5S): Masci è riuscito a fare peggio del Pd

Pescara. No alle auto parcheggiate sulla Strada Parco per l’estate. I consiglieri del MoVimento 5 Stelle Alessandrini, Sola, Lettere e Di Renzo condannano la scelta fatta dalla mezza giunta del mezzo sindaco Carlo Masci di riproporre nuovamente i parcheggi sulla Strada Parco.

“Cambiano le maggioranze e i sindaci ma l’inadeguatezza al governo rimane la stessa”, commenta la capogruppo del M5S Erika Alessandrini,”quella che il centrodestra ha definito come un’esigenza del territorio e dei cittadini è solo la chiara testimonianza dell’incapacità di trovare soluzioni per un problema che ogni estate si ripropone puntualmente e che viene sempre trattato come un’emergenza da gestire a scapito di tutti coloro che abitualmente utilizzano la Strada Parco per muoversi a piedi o in bicicletta e che rendono quella parte di corridoio verde una vera e propria piazza lineare cittadina”. Una scelta che ha sempre visto la ferma contrarietà del M5s anche negli anni passati quando a governare la città c’erano il PD e la sinistra.
“Destra e sinistra, due facce della stessa medaglia”, spiega, “in campagna elettorale si riempiono la bocca citando – come fossero dei pappagalli – le tematiche ambientali, la mobilità sostenibile, le necessità di sviluppo del trasporto pubblico per creare alternative all’uso del mezzo privato, citando esempi virtuosi di paesi stranieri in cui l’automobile ormai è praticamente bandita, salvo poi essere eletti e fare l’esatto contrario, tra l’altro anche a scapito delle casse comunali”.  “I parcheggi sulla Strada Parco infatti prevedono addirittura prezzi più bassi di quelli degli anni passati”, prosegue, “proprio facendo l’errore di incentivare ancora di più i cittadini e i turisti a prendere l’auto privata, piuttosto che usare la bici o i mezzi pubblici, intasando di traffico e smog la riviera e l’unico asse pedonale di cui dispone la nostra città e nel quale il Piano Regolatore vieta l’uso delle auto private”.
“Il M5S ribadisce che solo con un vero e proprio piano della mobilità estiva e con bus navetta gratuiti che muovano dal parcheggio dell’area di risulta e con la strada parco a disposizione di tutti coloro che vogliono andare al mare in bici si può risolvere il problema”, conclude, “ma Masci e l’assessore fantasma alla mobilità sembra facciano a gara con il PD a chi fa peggio. Quando a chi governa mancano le idee – oltre che gli assessori – la tanto sbandierata “Città del futuro” sembra sempre di più, purtroppo, solo l’esatta copia di quella appena passata”.