The news is by your side.

Odissea Ombrina Mare, Rockhopper Exploration riccore al Tar. Il capitolo non è chiuso

L’Aquila. La Rockhopper Exploration non si arrende, pur confermando ai propri investitori che con la legge di stabilità del 2016 è tornata in vigore la fascia di protezione delle dodici miglia e che il futuro di Ombrina è ora incerto, aggiunge l’esistenza di possibili “exceptions” e che quiombrina_marendi  si stanno conducendo indagini approfondite. Il presidente della Regione Abruzzo aveva definitivamente chiuso la questione rassicurando tutti che Ombrina non avrebbe mai visto la luce, ma le due ultime novità agitano non poco il popolo anti petrolio con la scoperta che il provvedimento per il momento è solo sospeso. Intanto la multinazionale  ha presentato il 30 dicembre scorso un ricorso al Tar del Lazio contro il ministero (e nei confronti della Regione Abruzzo e delle Province e dei Comuni interessati dal progetto), per non aver ancora rilasciato la concessione di coltivazione del giacimento Ombrina mare, “in violazione”, di “tutti i termini di legge per il procedimento di conferimento della concessione di coltivazione di idrocarburi” e per essere “in contrasto con il fondamentale principio del buon andamento della l’azione amministrativa” come riporta “Il Centro”. “Una mossa ampiamente prevista”, commenta il Coordinamento anti Ombrina secondo il quale Rockhopper “cercherà anche di vedersi riconosciuti almeno i danni al Ministero per non aver rispettato i termini istruttori dell’istanza, non aver dato, cioè, parere positivo prima dell’entrata in vigore della nuova legge”. Rockhopper potrebbe anche cercare anche di evidenziare davanti al TAR un ipotetico contrasto tra norme italiane e quelle comunitarie chiedendo di disapplicare direttamente la norma. Il TAR potrebbe rigettare la richiesta oppure mandare tutto alla Corte Costituzionale o ancora chiedere un parere direttamente alla Corte di Giustizia sulla congruenza della legge italiana rispetto al Diritto comunitario. La vicenda Ombrina Mare sembra un capitolo tutt’altro che chiuso.