The news is by your side.

Oggi a Teramo la giornata del ringraziamento di Coldiretti, con la sfilata dei trattori e la benedizione dei prodotti della terra

Teramo. La sfilata dei trattori e la benedizione delle eccellenze salvate dal sisma, per un messaggio di solidarietà e impegno che arriva dalla terra. Grande partecipazione, nonostante la pioggia, stamattina a Teramo in occasione della giornata del Ringraziamento – tuttora in corso – promossa da Coldiretti Abruzzo insieme all’ufficio della pastorale sociale lavoro della Diocesi di Teramo-Atri, Coldiretti Teramo, Caritas e con il patrocinio del Comune. L’obiettivo della giornata è “ricordare lo stretto legame esistente tra l’agricoltore e la comunità cristiana”. Il rito, inaugurato dalla Confederazione nazionale Coltivatori diretti nel 1951, nacque per “ribadire l’ispirazione dell’organizzazione professionale alla dottrina sociale cristiana” e per “ringraziare il Signore del raccolto concesso”.

Ad aprire la manifestazione, un momento di riflessione moderato da Salvatore Coccia sul messaggio dei vescovi per la giornata nazionale del Ringraziamento dal titolo “Dalla terra e dal lavoro: pane per la vita”: sono intervenuti, dopo i saluti del vescovo Lorenzo Leuzzi, il direttore dell’ufficio pastorale sociale lavoro Giuseppe Pergallini, la presidente di Coldiretti Teramo Emanuela Ripani, l’imprenditrice agricola Antonella Marrone e Don Emilio Bettini, docente dell’università europea di Roma. “Il mondo dell’agricoltura” ha affermato il vescovo “può insegnare la pazienza di una progettualità quotidiana di cui oggi, in un mondo in cui si vuole tutto e subito, si ha sempre più bisogno”. Presenti anche il sindaco del Comune di Teramo Gianguido D’Alberto, il vicepresidente della provincia di Teramo Alessandro Recchiuti, il comandante del gruppo carabinieri forestale colonnello Gualberto Mancini e, per Coldiretti, il direttore regionale Giulio Federici e le dirigenze provinciali.

Si è poi celebrata la santa messa nella cattedrale di Teramo, gremita di agricoltori. Nei cesti dell’offertorio tutti i prodotti legati al territorio: olio, vino, ortaggi e confetture, pane e pasta provenienti direttamente dalle campagne, con particolare riferimento a quelle colpite dal sisma. Al termine della celebrazione, come da programma, la benedizione dei mezzi agricoli arrivati dalle campagne circostanti e del mercato di Campagna Amica, con i produttori agricoli che hanno portato in piazza le migliori eccellenze abruzzesi.

Queste le aziende presenti al mercato di Campagna Amica del Ringraziamento: Società Agricola San Lorenzo (carne, pasta, farine, porchetta), Rastelli Donato (ortofrutta), Società agricola Manfredi (formaggi), Azienda agricola Scarpone Alessio (formaggi), Azienda agricola D’Andrea Eleonora (formaggi e ortofrutta), Azienda agricola Russi Paride (pane, dolci, vino cotto), azienda agricola Bilanzola Francesco (formaggi), azienda agricola Guerrieri Giuseppe (formaggi), azienda agricola Antonella Marrone (birra), Azienda agricola Di Marco Michelina (birra), società agricola Il Montanaro (formaggi), fattoria dell’Ape (miele, frutta), Azienda agricola Di Pancrazio Pancrazio (formaggi), Società agricola Punto Verde (ortofrutta, pasta conserve), Società agricola Fracassa (salumi); Azienda agricola Ruffini Franca (formaggi) e azienda agricola Flarà Monica (farine, uova, pasta, marmellate).