The news is by your side.

Oltre 2 mila foto su smartphone di abusi su bambini di tre anni, nei guai 46enne

Chieti. Aveva sui suoi smartphone oltre duemila tra immagini e video ritraenti minori abusati o in atteggiamenti pornografici, con numerose vittime di età stimata inferiore ai tre anni: per questo un 46enne residente a Chieti è stato arrestato dagli uomini del Compartimento della Polizia Postale e delle Comunicazioni di Pescaraimages con l’accusa di detenzione di materiale pedopornografico. Gli agenti della sezione Cyber crime del compartimento della Polizia Postale, durante una perquisizione a casa dell’uomo, hanno rinvenuto il materiale pedopornografico. L’analisi dei telefoni ha permesso agli esperti della polizia delle comunicazioni di acquisire elementi che sembrerebbero evidenziare da parte dell’arrestato pregressi scambi pregressi, con altri utenti, di foto e video che ritraevano minori coinvolti in attività sessuali esplicite attraverso alcuni social network. Nei confronti dell’uomo erano in corso accertamenti nell’ambito di una più ampia indagine della Procura distrettuale antimafia. L’arresto è stato convalidato a Chieti e l’uomo è stato rimesso in libertà. Il materiale pedopornografico è stato sottoposto a sequestro, mentre proseguono le indagini. «La diffusione di internet e il proliferare di programmi informatici che permettono lo scambio di file tra utenti connessi tra loro mediante appositi server, e più recentemente dei social network» sottolinea la dirigente della Polpost, Elisabetta Narciso «ha amplificato, tra gli altri, anche il fenomeno della diffusione di materiale pedopornografico facilitandone evidentemente anche la fruizione online e la stessa detenzione». Narciso ricorda inoltre la costituzione, presso il servizio polizia postale e delle comunicazioni di Roma, del Centro nazionale per il contrasto della pedopornografia on-line, che «ha compiti di coordinamento per le attività investigative nell’ambito del contrasto alla pedopornografia e di raccordo gli con organi investigativi esteri e, tra le altre cose, attende alla raccolta delle segnalazioni relative ai siti che diffondono materiale concernente l’utilizzo sessuale dei minori provenienti da soggetti pubblici e privati impegnati nella lotta alla pornografia minorile».