The news is by your side.

Oltre Lazio e Veneto anche l’Abruzzo tra le regioni destinatarie della donazione effettuata dalla Bcc per l’emergenza Coronavirus

Roma. La Banca di Credito Cooperativo di Roma ha deciso di donare 330.000 euro, a favore delle strutture sanitarie impegnate nell’emergenza Covid-19, presenti in Lazio, Abruzzo e Veneto.

BCC Roma è la più grande banca di credito cooperativo in Italia ed è presente nelle Regioni Abruzzo, Lazio e Veneto, per un totale complessivo di 189 agenzie e 20 tesorerie.

E’ stata inoltre promossa una raccolta fondi, allo stesso scopo. Tutti quelli che vogliono partecipare possono effettuare un versamento intestato a Fondazione BCC Roma, IBAN IT81R0832703239000000030000, indicando la causale “donazione per supporto emergenza Covid-19”. I fondi verranno poi convogliati attraverso Iccrea Banca all’interno dell’iniziativa di sistema del credito cooperativo “Terapie intensive contro il virus. Le BCC e le CR ci sono”.

Sul piano creditizio, dopo un primo intervento di supporto per venire incontro alle impreviste esigenze di liquidità degli operatori turistici e dei pubblici esercizi, BCC Roma ha reso disponibile un plafond di 150 milioni di euro, a sostegno di tutti gli operatori economici, imprese e famiglie.

La misura è volta non soltanto a sostenere nelle attuali difficoltà soci e clienti, ma anche per il riavvio dell’attività appena l’evoluzione della situazione di emergenza lo consentirà.

Le misure agevolative prevedono la possibilità di accedere con modalità di contatto on line a un finanziamento in forma di mutuo chirografario, per il ripristino della liquidità in favore di soci, sia persone fisiche che imprese, e clienti di tutti i settori di attività nelle regioni del Lazio, dell’Abruzzo e del Veneto.