The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Opere d’arte contraffatte: condannato a più di 2 anni di carcere un gallerista abruzzese

A sinistra l’artista Pistoletto

Pescara. “L’arte è l’espressione alta e profonda della società. Il falso è speculazione economica. Forse, a chi ha contraffatto le mie opere era successo qualcosa di grave: solo così si piega una cosa così tremenda”. Lo ha detto oggi a Torino l’artista biellese Michelangelo Pistoletto, pittore e scultore, commentando l’operazione dei carabinieri del nucleo Tutela patrimonio culturale (Tpc) che ha portato al sequestro di 115 sue opere contraffatte.

Si tratta, in particolare, di ‘Frattali’, lavori caratterizzati da grafici e numeri impressi su vetro. Per aver falsificato e venduto le opere, il gallerista abruzzese Cesare Manzo è stato condannato dal Tribunale di Pescara a 2 anni e 2 mesi di carcere. L’inchiesta era partita nel 2014, dopo la denuncia dello stesso Pistoletto. “Mi avevano segnalato che, sul mercato, c’erano opere che non avevo mai firmato – spiega l’artista – chi ha falsificato, ha approfittato della mia fiducia. Non mi era mai capitato”.