The news is by your side.

Pedaggi A24 e A25: Tar dice no ad aumento automatico tariffe, ma solo in base agli investimenti

L’Aquila. “La sentenza del Tar lazio nessun automatico aumento delle tariffe”. È quanto si legge in una nota di Strada dei Parchi spa,
concessionaria delle autostrade A24 e A25 che interessano le regioni Lazio e Abruzzo, in merito alla questione della sentenza del Tar sull’aggiornamento tariffe. Una vicenda che ha causato polemiche e allarmi su presunti aumenti dei pedaggi. “La sentenza del Tar del Lazio del 21 luglio scorso, in base alla quale sono stati ipotizzati notevoli incrementi dei pedaggi autostradali di A24 e A25, in realtà impone unicamente al Ministero dei Trasporti di riconoscere gli investimenti contrattualmente previsti e realizzati da Strada dei Parchi nell’ammodernamento e nella sicurezza della rete di competenza nel 2015 – si legge ancora nella nota -“.

Secondo Strada dei Parchi “la sentenza non implica un automatico incremento dei pedaggi, decisione che peraltro è determinata solo dal concedente, ovvero dal Mit stesso”. “La sentenza del Tar, cui Strada dei Parchi si era rivolta, impone di rivedere e completare l’istruttoria non conclusa riferita al 2015 e riguardante gli incrementi tariffari annuali previsti dal vigente contratto. In quella occasione il Mit si limitò a riconoscere un aumento tariffario uguale al tasso di inflazione programmata (1,5%), motivato dalla situazione economica del Paese. “Decisione politica, ma ingiusta, perché in realtà vantaggiosa anche per i due terzi dei
concessionari autostradali italiani che comunque non avrebbe avuto diritto ad un incremento superiore – continua la nota -. L’iter allora non fu concluso e il Mit non diede risposte al concessionario Strada dei Parchi a proposito del riconoscimento dei lavori fatti. Quindi il Tar con la sentenza dei giorni scorsi ordina semplicemente di completare quella procedura. Una volta definito il valore delle risorse dovute e non riconosciute a Strada dei Parchi si aprirà con il Ministero un confronto che non necessariamente comporterà l’aumento delle tariffe”.