The news is by your side.
Consorzio Vini d’ABruzzo 2

Perseguita insistentemente la ex moglie, notificato al marito il divieto di avvicinamento

L’Aquila. E’ stato notificato ad R.A., 60 anni, il divieto di avvicinamento alla ex moglie, emesso dal GIP del Tribunale dall’Aquila. La donna, aquilana, avrebbe subito per anni le angherie e le umiliazioni del marito, teatino ma da anni residente nel capoluogo, che sin dai primi tempi del loro matrimonio avrebbe avuto atteggiamenti poco amorevoli nei suoi confronti. Le umiliazioni e la violenza psicologica ben presto sarebbero sfociati in maltrattamenti fisici subiti anche davanti al figlio minore. Ciò avrebbe indotto la donna a chiedere la separazione nel 20questura l'aquila08. Nel 2009, però, a causa del sisma, il nucleo familiare si è dovuto ricomporre al fine di ottenere un alloggio provvisorio e, purtroppo, la situazione è peggiorata notevolmente tanto che la donna si è vista costretta ad abbandonare l’abitazione e a rifugiarsi altrove e provocando le ire del coniuge. Nel 2010 l’uomo viene arrestato su “Ordine di esecuzione pena”, per cumulo di pene maturate a seguito delle condanne ricevute per le innumerevoli denunce sporte dalla moglie e nel 2011 viene affidato ai servizi sociali a seguito di ordinanze del Tribunale di Sorveglianza di L’Aquila, finirà di scontare la sua pena nel marzo del 2014. Nel 2014, tornato all’Aquila, gli viene assegnato un alloggio proprio accanto a quello occupato dalla moglie e dal figlio: da quel momento sono iniziate una serie di azioni denigratorie, diffamatorie ed ingiuriose nei confronti della donna che l’hanno portata a chiedere l’allontanamento dell’uomo che continuava a perseguitarla. Messaggi minacciosi e danneggiamenti sull’autovettura, minacce con un coltello, scritte delle frasi volgarissime di natura sessuale sul parabrezza dell’auto. e sulle colonne dei garage sotto l’abitazione della donna e lancio di uova. E’ tutto ciò che la donna ha dovuto sopportare e che ha spinto i magistrati all’emanazione del provvedimento cautelare previsto dalla nuova legge sullo stalking del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa.